Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Nadelhorn, Cresta NE, normale dalla Mischabel hutte, 06/08/2013
Inserisci report
Onicer  pelle2005   
Regione  Svizzera
Partenza  Saas Fee  (1800 m)
Quota attacco  3340 m
Quota arrivo  4327 m
Dislivello della via  1000 m
Difficoltà  PD ( pendenza 45° / II in roccia )
Esposizione in salita Est
Rifugio di appoggio  Mischabel hutte
Attrezzatura consigliata  Corda, piccozza, ramponi.
Itinerari collegati  Nadelhorn (4327m), Cresta NE, normale dalla Mischabel hutte
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Beh, PD mi sembra generoso visto il tratto finale..

Partiamo da Sass Fee (parcheggio a pagamento all ingresso del paese, dalle 8 del sabato alle 13 di domenica 14 CHF) alle 9e00, dopo aver cambiato un po di euro in CHF (ma a differenza del rifugio del Bishorn, al Mischabelhutte non si pratica il cambio 1euro=1CHF). Si attraversa tutto il paese per la strada principale, fino a giungere a una chiesa alla fine della quale si trova l’indicazione per il sentiero, che segna 4h15 min per il Mishabelhutte. Il bosco inizialmente fitto, dopo il passaggio su un ruscello diventa rado, per poi scomparire al primo incrocio con indicazione Hanning.

Il paesaggio è già ammaliante, il rifugio sempre lassù, visibile fin dal centro del paese.

Verso le 12 il sentiero E finisce e diventa attrezzato per superare lo sperone roccioso, ma nulla di che, cavi, una scala, gradini con tondini di ferro.

Alle 13 finalmente al rifugio, dove ci gustiamo una birra da 50cl a 8 CHF. Mezzo litro di acqua 5CHF. Rifugio carino e personale cortese, peccato finiamo a dormire nella dependance esterna. Un temporale alle 16 ci fa rientrare, alle 17e30 cena svizzera, ma meglio di altri rifugi svizzeri. Alle 19 a letto.

Ore 2e30 colazione, con calma partiamo alle 3e15, non fa freddo al rifugio. Si sale lo sperone roccioso, inizialmente super segnalato, poi da intuire, ma facile. Alle 4 mettiamo piede sul ghiacciaio, ora si sente che siamo ad alta quota.

Alle 5 siamo al Windjoch, alla fine nessuno sale la Nadelgrat. La cresta è ben innevata, mai affilata, tre traversi sotto le rocce hanno però già il ghiaccio affiorante. Il canale della salita della Nadelgrat al Durrenhorn sembra magro da lontano..

Alle 6e20 attacchiamo la parte finale di rocce, sporche di neve inzialmente poi belle secche. Nulla di difficile, ma qualche sosta per un po di sicura a spalla ci sta.

6e45 cima, poche foto e via giù, qui c’è troppo poco spazio.

Un solitario verso lo Stecknadelhorn, ma da come si muove intuiamo ghiaccio vivo sotto la neve del traverso.

Il meteo buono, peggiora velocemente. Al windjoch alle 8 inizia qualche goccia, quando siamo sul piano del ghiacciaio neve pallottolare scende abbondante, le cime sono coperte. Scendiamo per il ghiacciaio, molto più rapido che la roccia dell andata, ma occhio ai crepacci, ancora coperti ma iniziano a vedersi le crepe..

Alle 9 siamo di nuovo al rifugio, il tempo di rifare gli zaini, mangiare qualcosa, e alle 12 di nuovo al paese.

Bella salita, un 4mila dal paese, ma il primo giorno di avvicinamento si fa dare del lei. Che comunque a scendere il tratto roccioso, le ginocchia sorridono!

Qui racconto:
http://andreaintrip.blogspot.it/2013/08/trasferta-sfizzera-nadelhorn-dalla.html

Qui altre foto:
https://plus.google.com/u/0/photos/103130992103249740937/albums/5908683382874721185

Qui video:
https://www.youtube.com/watch?v=xbOcBknvwMs
Report visto  1996 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report