Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Punta Sertori, Dallo spigolo Marimonti, 01/08/2020
Inserisci report
Onicer  Fedora   
Regione  Lombardia
Partenza  Rifugio Giannetti (2530m)
Quota attacco  2850 m
Quota arrivo  3195 m
Dislivello  350 m
Difficoltà  AD+ / IV+ ( IV+ obbl. )
Esposizione  Sud
Rifugio di appoggio  Rif. Giannetti
Attrezzatura consigliata  2 mezze corde da 60m, 6 rinvii, cordini, serie di friend
Itinerari collegati  Punta Sertori (3195m), Dallo spigolo Marimonti
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Giornata top con le mie socie di cordata, nello stupendo e selvaggio ambiente del Badile e Cengalo. Complice anche il sole spaziale fino alle 14, le temperature decisamente miti e il fatto di essere solo noi 3 e una sola cordata più dietro rispetto a noi, che quindi ci hanno permesso di arrampicare nel migliore dei modi. Raggiungiamo il rif. Gianetti venerdì sera, spuntino leggero e poi a dormire. Volevamo partire alle 5,30 del mattino, ma a causa vento che ha soffiato tutta notte e che ancora soffia molto forte (anche se non freddo), partiamo alle 6,30. Trovato abbastanza agevolmente l’attacco, alle 7,50 partiamo per la nostra avventura. Il vento cessa all’improvviso, fortunatamente. Il primo tiro nel camino risulta particolarmente duro, soprattutto per la partenza a freddo. In opposizione però riesco abbastanza agevolmente ad arrivare alla sosta intermedia. Da qui con non poca fatica proseguo, prima con qualche passo ancora in opposizione, poi torno ancora a sx (non so se era meno impegnativo superare invece il masso incastrato direttamente nel camino...), comunque non è stato banale per me. I tiri successivi sono più semplici, ma la via è tutta da cercare e interpretare, e su terreno a volte un po’ erboso o con muschio non piacevolissimo. Raggiunto lo spigolo, da qui è tutta un’altra storia: roccia stupenda, via più logica e chiodi presenti dove necessario. L’arrampicata è davvero stupenda, con difficoltà mediamente dal III al IV, ma spesso con passaggi esposti. La cuspide del 9° tiro è a dir poco eccezionale, stupenda e scenografica come poche ne ho viste, con un’esposizione veramente tosta. Anche il passaggio di partenza dall’ultima sosta mi è risultato piuttosto impegnativo, ma fortunatamente c’era lo spit per assicurarsi che psicologicamente ha contato molto per me. Passo comunque piuttosto esposto e di forza. Da qui proseguo su placche fessurate e quando vedo la Madonnina di vetta mi si riempie il cuore di gioia, dopo quasi 5h dall’attacco. Recupero le socie e dopo una brevissima sosta e foto di rito, ci prepariamo per le tante doppie da fare. Usando solo una mezza corda da 60m x calarci, andiamo via bene, senza incastri. Troviamo agevolmente tutte le doppie grazie alle diverse relazioni in nostro possesso. Dalla cima, in 2h e 30' siamo al rifugio, breve merenda e poi giù verso i Bagni di Masino, dove arriviamo alle 18,30 pienamente soddisfatte!!
Partecipanti: Fedora, Cri e Lidia.
Report visto  597 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report