Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Gran Becca du Mont (o Bec de l'Ane), per il Vallone di San Grato e il Col de la Sachere, 07/05/2022
Inserisci report
Onicer  Fedora      
Gita  Gran Becca du Mont (o Bec de l'Ane), per il Vallone di San Grato e il Col de la Sachere
Regione  Valle d'Aosta
Partenza  Bonne (bivio per Grand Alpe )  (1930 m)
Quota arrivo  3213 m
Dislivello  1300 m
Difficoltà  BSA+
Esposizione in salita  Nord-Est
Esposizione in discesa  Nord-Est
Itinerari collegati  Gran Becca du Mont (o Bec de l'Ane) (3213m), per il Vallone di San Grato e il Col de la Sachere
Neve prevalente  Marcia
Altra neve  Variabile
Rischio valanghe  3 - Marcato
Condizioni  Discrete
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Disl. 1300m - Diff. BSA+
QUI la descriz. tecnica http://www.on-ice.it/onice/onice_view_itinerario.php?type=1&id=506

Con Lidia, Fabio Vassalli, Andrea Cortinovis, Andrea Nava

Ci abbiamo creduto e siamo stati premiati, sia dal meteo più che discreto che da una bella montagna forse poco conosciuta ma sicuramente meno frequentata del più vicino e famoso Ormelune, come altre gite della Valgrisenche. 30' di spallaggio lungo la stradina e poi inizio la tracciatura sempre più faticosa in neve che, non essendoci stato rigelo notturno, è già marciotta. Ma sopra il Lago di San Grato diventa via via un po' più portante. Da poco sopra il Col de la Sachère, proseguiamo sci ai piedi fino a circa q. 3050m; poi le pendenze ripide e la neve a tratti ventata, ci obbligano a lasciare gli sci. Li avremmo portati volentieri fin verso l'anticima per poi scendere sci ai piedi; ma avremmo fatto una fatica immane in neve da tracciare (e qui bravo Fabio che mi dà il cambio in questa parte finale) e inoltre le condizioni non erano sicuramente il top. Chi si accontenta gode e infatti raggiungiamo la vetta, contentissimi! E per di più con meteo buono trovandoci sul confine francese. Sciata che, nel primissimo tratto, è su neve portante, poi un po' umida ma bella da sciare. Poco prima del lago troviamo neve più bagnata e lenta, poi più pesante ma mai sfondosa. Anziché tornare dalla stradina fatta all'andata, scendiamo nel fondovalle e con un po' di "racchettage" raggiungiamo le tracce di discesa dell'Ormelune, scivolando via, quindi, più veloci. Togliamo gli sci che inizia a piovigginare... Meglio di così!
Partecipanti: Fedora, Lidia, Fabio V., Andrea C., Andrea N.

FOTO 1: Risalendo i ripidi pendii sopra il Col de la Sachère, con il Rutor alle spalle.
FOTO 2: Lungo la cresta finale, nei pressi dell'anticima.
FOTO 3: In discesa sotto il Col de la Sachère nel vallone di San Grato.
Report visto  1939 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report