Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Cima Brenta Bassa, via normale
Zona  Trentino Alto Adige - Gruppo di Brenta
Partenza  Vallesinella (Madonna di Campiglio) (1550m)
Quota attacco  2550 m
Quota arrivo  2809 m
Dislivello  260 m
Difficoltà  PD / III+ ( III obbl. )
Esposizione  Nord-Est
Rifugio di appoggio  Rif. Casinei; Rif. Brentei; Rif. Pedrotti
Attrezzatura consigliata  Corda da 20m (o 2 mezze da 50 se si vuole effettuare la doppia da sotto la forcella tra le due cime per ridiscendere i 50m di II°). 2 o 3 rinvii, qualche cordino e friend per fare sicura, casco
Orario indicativo 5h
Periodo consigliato Estate
Descrizione Da Vallesinella seguire il sentiero che in meno di 1h porta al rif. Casinei (1825m); da qui in un’altra ora di cammino si raggiunge il rif. Brentei (2182m), passando per la brevissima ma caratteristica galleria Bogani. Si prosegue poi su sentiero in falsopiano che entra in val Brenta Alta. Ormai in vista della Bocca di Brenta, si attraversa una conca (spesso innevata anche a fines tagione), si supera poi un tratto ripido attrezzato con fune metallica fino ad una successiva conca (anche qui spesso si trova neve). Di nuovo un tratto più ripido e si raggiunge così la Bocca di Brenta (2552m, 1h dal rif. Brentei), dove poco sotto si vede il rif. Pedrotti. A sx si alza imponente la Cima di Brenta Alta; a dx, invece, la Brenta Bassa. Salire quindi a dx (SW) e seguire la traccia con ometti (Madonnina sulla sx) che con diversi zig zag arriva ad una bassa parete presso un evidente caminetto. Risalirlo sulla sx per qualche metro (I+) oppure superare direttamente la parete sulla dx (15 m, II). Di nuovo per tracce di sentiero su ghiaie prima verso sx e poi a dx su rocce gradinate, arrivando così a una cengia (a sx c’è un masso che la chiude). Superare detto masso a sx e proseguire sempre nella medesima direzione fino a un terrazzino alla base di una fascia rocciosa verticale. Qui gli ometti sembrano terminare. Salire lungo una fessura obliqua verso dx fino ad arrivare a un altro terrazzino alla base di un camino un po’ strapiombante. Superare direttamente il camino (10 m, III+, roccia ottima), al cui termine vi è un anello di calata su cui si può fare sosta. Continuare ora a dx e poi a sx fino all'ampio e detritico terrazzo soprastante.
Seguendo sempre gli ometti (ce ne sono diversi, non c’è un vero e proprio percorso obbligato in questo tratto), salire a dx e seguire una cengia sassosa fino a un evidente canale di rocce scure grigie, che sale da dx verso sx. Risalirlo per intero (20 m, I+) e proseguire verso dx sempre su terreno ghiaioso. Si raggiunge la base di una ripida parete grigia svasata; salirla direttamente su roccette un po’ sporghe di ghiaia (50 m, max II), al termine della quale si trova un cordone nero su cui fare sosta, utilizzabile anche per un’eventuale calata al ritorno. Esso si trova sotto la forcella che divide la cima di sx (SE) e quella di dx (NW). Ora percorrere a dx la cengia; si può salire direttamente arrampicando su facili roccette che portano direttamente alla vetta (II), oppure aggirare questa paretina rocciosa (ometti) fin dove il sentiero si abbassa. Quindi verso sx salire in cresta su ottima roccia e seguire la cresta che porta all’omino di vetta (1h e 30’ dalla Bocca di Brenta).
DISCESA: Per l’it. di salita, con possibilità di effettuare una prima doppia al cordone nero posto sotto la forcella, e un’altra per superare il camino di III+ (anello di calata).
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento  La Cima Brenta Bassa non ha nulla da invidiare alla sorella maggiore Brenta Alta, anzi, ha un passaggio decisamente più impegnativa di quest’ultima e i panorami sono altrettanto spettacolari. L’esposizione a NE della salita alla vetta, a inizio stagione o in autunno, può però presentare un po’ di neve che aumenterebbe, ovviamente, le difficoltà. La via normale qui descritta non presenta particolari difficoltà, con solo il breve camino di III+ che però offre un’ottima roccia. Il resto della salita si svolge su rocce gradinate o comunque ben appigliate e di qualità buona/ottima; solo lungo le cenge e qualche tratto detritico occorre un po’ più di attenzione per sassi mobili. Corda utile per i meno esperti, ma comunque molto consigliabile sia per il superamento del camino che per la discesa in doppia (10m) dallo stesso.

FOTO 1: Poco prima di raggiungere la Bocca di Brenta, sguardo all'indietro sulla Valle di Brenta Alta percorsa. Sulla dx, nella zona erbosa, sorge il rif. Brentei.
FOTO 2: La salita alla Cima di Brenta Bassa (foto da vienormali.it).
FOTO 3: Il breve camino di III+.
Itinerario visto  1102 volte
Immagini             

[ Clicca per ingrandire ]
Report collegati
02/10/2021  -  Cima Brenta Bassa, via normale, di Fedora