Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Monte Emilius, dalle piste di Pila e il Colle Chamolé
Zona  Valle d'Aosta - Alpi Pennine
Partenza  Partenza seggiovia Chamolé (Pila - AO)  (1790 m)
Quota arrivo  3559 m
Dislivello  2000 m
Difficoltà  OSA
Esposizione in salita  Varia
Esposizione in discesa  Varia
Orario indicativo 5h e 30' - 6h
Periodo consigliato Marzo-Primi di maggio
Descrizione Dalla partenza della seggiovia Chamolé seguire la pista da sci che sale nel bosco, fino al suo termine. Quindi, a circa 2400m, proseguire lungo una valletta per un breve tratto e poi deviare a sx seguendo una stradina che, in mezzacosta, conduce al Lago di Chamolé (sent. n. 19B). Costeggiato il lago, con dir. SE risalire i ripidi pendii che portano al Colle di Chamolé (2641m), da dove poi si scende per circa 150m sul versante opposto (sentiero estivo). Si arriva così nell’ampia conca ove sono posti il rifugio e il Lago di Arbolle (2520). (NB. In questo tratto, seppur breve, è richiesta attenzione perché è piuttosto ripido e slavinoso). Ora con dir. SW seguire il vallone fino ad una piana; tenersi alla sua sx continuando verso NE, salendo tra dossi e vallette, fino ad arrivare al Lago Gelato (ca. 3000m). Risalire poi il successivo pendio sempre più sostenuto (35-38°), che porta al Passo Tre Cappuccini (3241 m); lo si nota bene in quanto sono presenti tre evidenti torrioni rocciosi. Dopo un ulteriore breve ma ripido tratto (da superare eventualmente a piedi), si raggiunge l’ampio crestone S del M. Emilius: tratti nevosi alternati a facili roccette portano alla croce di vetta. Affacciandosi sul versante nord, 3000m più in basso, la città di Aosta.
DISCESA: Per l’itinerario di salita. Con condizioni di neve sicurissime, è anche possibile scendere dal canale sud, inizialmente sui 45°, poi 40°, abbastanza ampio. Per evitare una strozzatura rocciosa che potrebbe impedire di proseguire la discesa fino in fondo al canale, conviene, a circa metà di questo, tagliare a sx per scendere da pendii altrettanto ripidi ma solitamente più innevati, che riportano poi lungo l’itinerario di salita nella conca sotto il passo Tre Cappuccini. Nel caso si optasse per la discesa dalla vetta sci ai piedi, occorre studiare bene la discesa durante la salita al passo, così da individuare il pendio migliore per la discesa. Altrimenti dall’alto sarebbe molto difficile poterlo fare.
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento  Itinerario primaverile molto lungo e con un dislivello notevole, calcolando anche la risalita al Colle di Chamolé di circa 150m, al ritorno. Richiede condizioni di neve sicure soprattutto nel tratto dal Lago Chamolé all’omonimo passo e il pendio che porta al Passo Tre Cappuccini, così come nel ripido tratto dal Colle Chamolé al Lago di Arbolle. I ramponi sono utili per la lunga cresta finale. Fino al Colle Chamolé l’esposizione è N; poi, fino in vetta, è prevalentemente SW.
Sviluppo: 19km.

FOTO 1: La conca ove è posto il Lago d'Arbolle e l'omonimo rifugio, visti da poco sotto il Colle Chamolé.
FOTO 2: La parte finale del percorso. In verde, la possible discesa diretta dalla vetta, sci ai piedi.
FOTO 3: Dalla cima, la discesa diretta dal canale meridionale dell'Emilius.
Itinerario visto  1227 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Report collegati
26/05/2018  -  Monte Emilius, dalle piste di Pila (discesa diretta dalla cima), di Fedora