Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Pedalando sopra le nuvole...., 02/11/2016
Inserisci report
Onicer  Qv1981
Regione  Lombardia
Partenza  Magno (Gardone V.t.)  (550 m)
Quota massima  1550 m
Dislivello  1000 m
Sviluppo  30 km
Tipologia  AM - All Mountain
Difficoltà  IV / S3 ( S4+ )
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni Salita  Ottime
Condizioni Discesa  Buone
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Partiamo da casa con le nuvole che coprono il cielo nella speranza che la giornata si apra come da previsioni. ad ogni modo l'assenza di sole durante la salita su asfalto fino in Caregno non guasta visto la temperatura decisamente mite per il periodo. arrivati in Caregno proseguiamo in direzione del forcellino di Pezzoro dapprima su strada cementata e poi su sterrato. prendiamo il bivio che conduce al rifugio Valtrompia in Pontogna e da lì in breve tempo saliamo su un piccolo sentiero sulla sinistra che ci porta a congiungerci con la mulattiera che sale verso gli stalletti. saliamo sempre sotto le nubi fino a 1300 m dove l'azzurro del cielo ci accoglie al tepore di caldo sole autunnale. ci fermiamo ad osservare lo spettacolo della cortina di nubi compatte sotto di noi e scattiamo qualche doverosa foto di rito prima di ripartire alla volta degli stalletti bassi. giunti nei pressi della malga deviamo a sx per scendere nei pressi di malga Costarica. qui inizia la vera discesa seguendo il sentiero denominato ortighera (se non vado errato) ad ogni modo sono visibili i segni bianco rossi sulla corteccia di un abete. il prima tratto del sentiero è decisamente impervio e, per le mie capacità di discesista, decisamente impegnativo. più avanti il sentiero diventa più dolce e poi sbocca in un'ampio prato che ci porta ad incrociare la sterrata che ci condurrà alla croce di Marone. da qui si prosegue seguendo le indicazioni per la malga Casere che raggungeremo dopo aver percorso alcuni tratti su single-track di media difficoltà ed alcuni su mulattiera più comoda. breve pausa per rifocillarci e poi già per il sentiero che ci condurrà il valle di Inzino. questo tratto è stato quello più impegnativo, personalmente in molti tratti del sentiero sono dovuto scendere dalla bici e spingere, ma anche quello più entusiasmante per certi versi. giunti a fondo valle siamo risaliti lungo la strada statale fino a casa chiudendo un anello di 30 Km più che soddisfacente. splendida giornata in compagnia degli inossidabili Paco e Paolo. Alla Prossima!
F1: sopra le nuvole...
F2,F3: due tratti di discesa
Report visto  906 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport