Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Monte Bianco, via normale italiana, 03/08/2019
Inserisci report
Onicer  luca.trovesi   
Regione  Valle d'Aosta
Partenza  Val Veny  (1650 m)
Quota attacco  3071 m
Quota arrivo  4810 m
Dislivello della via  1900 m
Difficoltà  PD+ ( pendenza 35° / II in roccia )
Esposizione in salita Varia
Rifugio di appoggio  Biv. Vallot (4362 m)
Attrezzatura consigliata  Da ghiacciaio, forse utile una vita e un secchiello da calata
Itinerari collegati  nessuno
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento L'accesso al rifugio è molto lungo ed è già un viaggio a se stante: la parte scoperta del Miage non è banale e richiede qualche salto tra i profondi crepacci di quell'infinito fiume di ghiaccio. Il rifugio Gonella si innalza dirimpetto alla nostra destra e sembra vicino... ci metteremo 5 ore per raggiungerlo. Situato in luogo incantevole, si scorge facilmente la vetta più alta spazzata dal costante vento.
La sera al rifugio l'atmosfera è accogliente e chiacchieriamo con escursionisti di diverse nazionalità, americani, spagnoli e i tanti dell'est Europa.
All'una usciamo e tutto nereggia, tranne il bianco candore del ghiacciaio del Dome da seguire fino al suo termine: qui incontreremo le maggiori difficoltà. 20 metri di roccia scoperta su cui è stata posta una corda fissa (passaggio faticoso da affrontarsi con il buio) sono preceduti da altrettanti di ghiaccio vivo che richiedono un ottimo uso dei ramponi e della picca. Dopo 3 ore di faticoso lavoro fino a qui, l'alba ci rifocilla. La cresta è bellissima e mai difficile. In tre (Marta, io e Zanzi) ci fermiamo al Vallot causa freddo e fatica mentre i nostri due amici altoatesini (Moritz e Thomas) arrivano in cima.
In discesa incontriamo Italo e Michael: il primo si infortunia al ginocchio appena sotto il passaggio di rocce causa caduta di un sasso e lo aiutiamo nella discesa fino al rifugio (scende poi in elicottero a valle).
La discesa dell'immensa pietraia è penosa; al parcheggio arriviamo stremati alle 22, ci addormentiamo a digiuno per terra svegliandoci alle 6 del giorno seguente.
Report visto  2034 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport