Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Aiguille Verte, per il Couloir Whymper, 17/06/2019
Inserisci report
Onicer  Fedora   
Regione  Francia
Partenza  Chamonix  (1070 m)
Quota attacco  3400 m
Quota arrivo  4122 m
Dislivello della via  1450 m
Difficoltà  AD+ ( pendenza 55° )
Esposizione in salita Sud
Rifugio di appoggio  Rif. Couvercle (2687m)
Attrezzatura consigliata  2 piccozze, 2 corde da 55m, qualche vite da ghiaccio
Itinerari collegati  Aiguille Verte (4122m), per il Couloir Whymper
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento Una gita che mi resterà nel cuore per tanti motivi: l'impegno fisico, la bellezza di questa montagna, l'ambiente spaziale qual è quello del M. Bianco, l'essere stati soli su tutto l'itinerario, il lunghissimo percorso da fondovalle...
Eh sì, perché ce la siamo fatta tutta a piedi A/R da Chamonix, visto che all'andata il trenino era fuori servizio per un albero caduto sui cavi, e al ritorno... era ormai tardi e abbiamo dovuto sorbirci 3100m di dislivello dalla vetta fino a Chamonix.
NB: Il giudizio sulle condizioni è relativo al buon innevamento generale (neve subito dal rifugio) e al Couloir, dove c'è ottima neve per la progressione e niente ghiaccio (viti mai usate). La TERMINALE, invece, non è in buone condizioni ed è molto difficile superarla ora. Con le alte temperature dei prossimi giorni peggiorerà ancora.
TEMPISTICHE:
1° giorno: quasi 6h per arrivare al rif. Couvercle da Chamonix (1700m di disl).
2° giorno: partenza all'una, in vetta alle 7,30.
Dal rifugio all'attacco del couloir non c'è stato un grandissimo rigelo notturno, ma le vecchie tracce ci aiutano. Superiamo il muretto di 3m strapiombante della terminale, molto impegnativo (neve non sufficientemente ghiacciata), con un "gioco di squadra" tra spinte e tirate di corda riusciamo a passarlo. Bravo Fabio che sale per primo! Il resto del canalone è in ottime condizioni invece, con neve dura ma pochissimo ghiaccio. I nostri polpacci sono stati messi a durissima prova visto che non era gradinato (solo tracce di discesa in doppie) e quindi mai un attimo di riposo per le gambe. La cresta finale vista all'uscita del canale è emozionante... e l'arrivo in vetta ovviamente ancora di più! E' uno spettacolo unico e oggi tutto per noi. Purtroppo, avendo solo 2 corde da 50m in 4, la discesa si rivelerà lunghissima, viste le 15 doppie da fare. Infatti, essendo in 4, è andato via molto più tempo rispetto alla salita. Il rientro al rifugio sarà faticoso perché la neve aveva smollato parecchio e si sfondava, ma le tracce ci hanno aiutato. Sosta rigenerativa e poi la lunghissima discesa a Chamonix, che richiederà ancora quasi 5h. Arriviamo alla macchina alle 21,15, devastati ma con una gran gioia che prevale su dolori e fatiche.
Unico neo di questa gita: il rifugio (si gelava letteralmente, a cena col piumino e coperta sulle gambe!) ma soprattutto... il rifugista!!
Partecipanti: Fedora, Lidia, Demis e Fabio.

FOTO 1: Dal Col de la Grande Rocheuse.
FOTO 2: La bellissima cresta Est che porta in vetta.
FOTO 3: Tornando dal Whymper.
Report visto  1983 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report