Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Cima di Menna, Cresta N-E, 26/11/2017
Inserisci report
Onicer  Zeno   
Regione  Lombardia
Partenza  Costa (Roncobello)  (1050 m)
Quota attacco  1700 m
Quota arrivo  2299 m
Dislivello della via  500 m
Difficoltà  PD+ ( pendenza 45° / II in roccia )
Esposizione in salita Nord
Rifugio di appoggio  Nessuno
Attrezzatura consigliata  Normale attrezzatura da alpinismo classico invernale
Itinerari collegati  nessuno
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento La Cima di Menna (2299 m) si origina dall’intersezione di tre creste. Di queste la più lunga, selvaggia ed affascinante è quella che si sviluppa verso Nord-Est fino alla Cima del Pizzo di Roncobello (2274 m) piegando poi a Nord-Ovest con l’omonima croce (2040 m). Il primo percorso noto risale al 3 ottobre del 1895 ad opera di Bertani e Clerici (Ann. Cai BG 1947 pag. 36) mentre per la prima invernale bisogna aspettare il 1975 con la salita di A. Carobbio, L. Cortinovis, C. Bonaldi e V. Carrara. (Ann. Cai BG 1975 pag. 205).

Lasciata l’auto alla frazione Costa di Roncobello raggiungiamo la caratteristica Corna Buca e il Roccolo dello Zoppo posto sul crinale che divide il Vallone dalla Valle di Mezzeno. Proseguiamo incrociando il Sentiero Gilberti ed arriviamo per cresta alla Croce del Pizzo. Dopo aver aggirato con cautela l’impressionante ingresso della ”Lacca sulla Cresta” siamo sulla Cima del Pizzo (fino a qui è ottima questa descrizione).

La linea di cresta che ci separa ora dalla Cima di Menna è davvero estetica ed invitante: alcuni suoi passaggi aggiungono un po’ di pepe alla progressione (sono presenti 3 spit nei punti chiave per eventuale assicurazione anche se noi non abbiamo ritenuto necessario legarci).
Arrivati in vetta constatiamo con piacere la sostituzione della croce (la precedente era davvero malridotta).

Il forte vento ci consiglia di non indugiare troppo e di abbassarci fino al Passo di Menna prima di fermarci per la “pausa pranzo”.
Attraverso il sentiero 235 che percorre il Vallone raggiungiamo la splendida Baita dello Zoppo e quindi la frazione Costa dove avevamo lasciato l’auto.

Da quando iniziai a fare alpinismo ormai quattro anni fa salendo di inverno le cime intorno al Passo Di Zambla ho sempre ammirato e sognato questo itinerario: finalmente ho avuto l’occasione di percorrerlo insieme ad Asso… giornata da incorniciare!


Mòla mia, leù!
Report visto  1007 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report