Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Pizzo Salina canale Nord, 15/01/2017
Inserisci report
Onicer  Beps65   
Regione  Lombardia
Partenza  Valgoglio (loc. Bortolotti)  (1200 m)
Quota attacco  2280 m
Quota arrivo  2495 m
Dislivello della via  200 m
Difficoltà  PD ( pendenza 50° / II in roccia )
Esposizione in salita Nord
Rifugio di appoggio  Capanna lago Nero - Rif. Gianpace (chiusi)
Attrezzatura consigliata  NDA, 2 piccozze.
Itinerari collegati  nessuno
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Due settimane fa scendendo dal Pradella notiamo quante belle opportunità offre la parete nord del Pizzo Salina, alcune forse anche alla nostra portata, non trovando niente in rete tranne un report di scialpinismo, decidiamo di tentare la salita. Avvicinamento lungo che parte dal Bortolotti seguendo il sentiero 228 e poi 268 fino al rif. Lago Nero, da qui seguiamo in parte la via normale per il Pradella e l’abbandoniamo seguendo il sentiero 267 con vari traversini anche delicati che ci porta in uno stupendo vallone fino al lago Gelt m2259. Qui individuiamo una variante a sinistra che parte diretta dal lago e che ci sembra fattibile di circa 150m, pronti via, la neve è ottima, la pendenza media 55° con qualche breve saltino, ognuno sceglie una sua variante più o meno ripida, appena prima del traverso provo un passaggio di misto (II) , la rocca è buona. Ora siamo tutti sul traverso, un centinaio di metri alcuni tratti con neve ventata ma tiene bene, oltrepassiamo una via diretta molto bella ed elegante che presenta diversi passaggi di misto, la abbandoniamo in quanto essendo in sei diventerebbe complicata, (una volta in vetta scopriamo che ha un uscita delicata di 10 metri a 80°), continuiamo fino al canale originale, le pendenze sono inferiori ma comunque molto divertenti, un ultimo saltino a 60° prima dell’uscita (possibilità di sosta) e siamo sulla facile cresta che in poco ci conduce in vetta. Ci fermiamo un'oretta al sole a goderci la giornata, poi iniziamo la lunga discesa percorrendo la cresta di Corna Rossa e la Valsanguigno fino all’immancabile merenda al ristoro 5 Laghi. Con me, Eve, Ciso, Paolo, Giuseppe, Stefano.
Foto 1: La via percorsa.
Foto 2: Primo canalino.
Foto 3: Ultimo saltino prima dell’uscita.
Report visto  1783 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport