Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Pizzo Bernina, Cresta N, Biancograt, 01/09/2013
Inserisci report
Onicer  giosu   
Regione  Svizzera
Partenza  Pontresina  (1774 m)
Quota attacco  3430 m
Quota arrivo  4049 m
Dislivello della via  1500 m
Difficoltà  AD+ ( pendenza 40° / IV in roccia )
Esposizione in salita Nord
Rifugio di appoggio  Capanna Tschierva
Attrezzatura consigliata  corda da 60, piccozza, ramponi, casco, 4 o 5 rinvii, un paio di viti da ghiaccio e un paio di friend misura media
Itinerari collegati  Pizzo Bernina (4049m), Cresta N, Biancograt
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento Finalmente saliamo questa bella via, un viaggio interminabile ma di grande soddisfazione.
Partiamo da Pontresina e saliamo per la bellissima val Roseg alla Chamanna Tsherva, piacevole passeggiata anche per la strada carrozzabile, due ore e mezza e siamo al rifugio.
Il giorno seguente partenza alle 3.15 dalla Chamanna ma il tempo purtroppo non è bello, un po’ di pioggerella e molte nuvole, speriamo in un miglioramento.
La partenza dal rifugio è ben segnalata fino ad un certo punto poi prima di salire sul ghiacciaio verso la Forcula Prievlusa prestare attenzione a non sbagliare, come abbiamo fatto noi e due ragazzi austriaci perdendo più di mezz’ora.
Saliti sul ghiaccio abbiamo messo i ramponi e non li abbiamo più tolti, anche perché la via presenta 25-30 cm di neve recente che ha reso la salita più laboriosa e con qualche doppia in più.
Abbiamo salito tutta la cresta di neve avvolti dalla nebbia purtroppo, arrivati dopo il pizzo Bianco pensavamo di dover rinunciare per il cattivo tempo….ma poi fortunatamente il sole e il cielo azzurro ci ha regalato una bellissima giornata.
La parte più facile della salita è sicuramente la bella cresta nevosa, mentre la parte più impegnativa è quella dopo il pizzo Bianco.
La discesa è veramente lunga, molto di più che la salita, passando per il rifugio Marco e Rosa attraversiamo tutto il ghiacciaio risalendo verso il Bellavista e puntando poi alla Fortezza, anche qui è caduta neve recente e prestando attenzione siamo costretti a fare qualche dobbia per evitare rischi.
Scendiamo poi per l’interminabile ghiacciaio del Morterasch, anche se sicuramente sarebbe stato meglio e più veloce scendere dal Divolezza.
Bellissimo viaggio insieme all’amico Paolo.
F1 la Biancograt
F2 sulla Biancograt tra le nebbie
F3 prossimi alla vetta
Report visto  1894 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport