Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Vajo Stretto di San Paolo, discesa Ristele, 13/04/2013
Inserisci report
Onicer  pelle2005   
Regione  Veneto
Partenza  Vasca Obante  (1000 m)
Quota attacco  1200 m
Quota arrivo  1700 m
Dislivello della via  500 m
Difficoltà  D ( pendenza 75° / I in roccia )
Esposizione in salita Nord-Est
Rifugio di appoggio  battisti
Attrezzatura consigliata  nda, ciaspole, velocità, frontale
Itinerari collegati  nessuno
Rischio valanghe  2 - Moderato
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento In queste condizioni non è un D. Al massimo l'uscita, ma trovarla piena di neve (anche se inconsistente) evita passi di roccia.

Partiti 4e30 dal parcheggio vasca dell obante, fa caldo, a momenti non metto nemmeno i guanti. Saliamo seguendo la strada verso il rifugio, mentre altre frontali sono ben avanti rispetto a noi. Subito con le ciaspole, o si rischia di spendere energie e perdere tempo. Beh, quando c’è da attraversare gli slavina menti sotto i vari vaji che dobbiamo attraversare per arrivare al nostro, questi attrezzi da galleggio non sono proprio comodi, ma pazienza.
Alle 6e30 attacchiamo il vajo, dove troviamo le più disparate condizioni di neve: si sprofonda fino all’inguine, si va in punta, si scende fino alla caviglia, si sprofonda in un buco, si gradina su roba inconsistente: è il Carega!
Il vajo si incassa pian piano, fino a una strettoia larga qualche metro ma sormontata da decine di metri di roccia. Un po’ scarica il vajo, vediamo un po di neve e sassi correrci a fianco, ma poca roba: abbiamo cmq fretta di uscire da questo budello. Alle 7e45 siamo praticamente all’uscita: dopo un muretto di neve ventata ma pressata, siamo agli ultimi 40m. Impiegheremo 45 minuti per uscire. Prova prima la goulotte di sinistra ma a pochi metri dall’uscita l’inconsistenza della neve obbliga a tornare indietro, 75°. Il mio amico va tutto a destra sotto la roccia, io provo dritto, il sole sta già scaldando la neve all’uscita. Altri 75° e finalmente fuori (al cardiopalma, vista l’inconsistenza della neve, ma questo è il classico dei vaji del Carega, l’uscita sempre la parte peggiore).
Proviamo a salire lo Zevola per poi scendere verso Passo Loria, ma dopo poca salita la neve fradicia e scivolosa ci fa desistere: giù per il vajo ristele che scarica dai lati la neve che poggia sulla roccia che si scalda: meglio muoversi! Poco prima delle 10 iniziamo la discesa nel vajo, in mezzora siamo alla base.
Rientro per la strada più breve a prendere le tracce sotto di noi, mentre si odono distintamente rumori di scariche e frane di roccia: il Carega in esplosione!

Qui altre foto:
https://plus.google.com/u/0/photos/103130992103249740937/albums/5867311973671146577
Qui il racconto:
http://andreaintrip.blogspot.it/2013/04/via-di-corsa-da-qui-vajo-stretto-di-san.html
Report visto  1643 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report