Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Carè Alto, cresta Sud-Ovest, 28/08/2011
Inserisci report
Onicer  Fedora   
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza  Bivacco Passo delle Vacche.  (3050 m)
Quota attacco  3050 m
Quota arrivo  3462 m
Dislivello della via  412 m
Difficoltà  PD+ ( pendenza 40° / II in roccia )
Esposizione in salita Sud-Ovest
Rifugio di appoggio  Rifugio Val di Fumo m.1997
Attrezzatura consigliata  un'imbrago con uno spezzone di corda
Itinerari collegati  Carè Alto (3462m), cresta Sud-Ovest
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Eccellenti
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento We con la famiglia in Val di Fumo che sembrava... sfumare per una frana quasi al termine della Val Daone. Aspettiamo speranzosi e fortunatamente alle 16 riaprono la strada. Arriviamo al rif. Val di Fumo giusto in tempo per la cena, in una vallata stupenda. La domenica mattina alle 4,30 partiamo sotto un’incredibile stellata. Arriviamo al Passo della Vacca accolti dai primi raggi di sole; superiamo il bivacco Segalla e su pietroni arriviamo così al primo dei tantissimi saliscendi che si alternano fino alla vetta (q. 3100 mt.). Il dislivello di 400 mt dal bivacco alla cima, infatti, è solo apparente... Al termine della prima discesina di circa 50 mt. c’è subito un passaggio abbastanza impegnativo, forse quello più di tutti: una fessura obliqua verso sx. Poi è un alternarsi di tratti rocciosi, sfasciumi, faticosi diedri e diversi punti esposti in cresta. Difficile comunque sbagliare percorso: basta seguire i resti delle tantissime vecchie attrezzature di guerra (spettacolari, ma da pelle d’oca solo a pensarci). I tratti più impegnativi sono sempre attrezzati con funi metalliche, pioli, chiodi. All’anticima sembra di essere arrivati, ma c’è ancora una paretina verticale da scendere (circa 5-6 mt.); è presente una fune metallica che aiuta, ma si può anche effettuare una doppia per maggior sicurezza. Poi si risale faticosamente e ripidamente dall’altra parte e da qui mancano davvero pochi metri alla vetta. Che panorama sull’Adamello! Al ritorno abbiamo effettuato un paio di doppie. Gita veramente bella sia dal punto di vista ambientale e paesaggistico che alpinistico, anche se non particolarmente difficile. Meteo: sabato splendido sole dalle 13 in poi; domenica giornata senza una nuvola. Partecipanti: Fedora e Ivan.
FOTO 1: Vista sul primo tratto del percorso da circa q. 3100, sopra il bivacco Segalla.
FOTO 2: Ivan impegnato in un esposto traverso.
FOTO 3: La vetta dall’anticima. In basso a dx ben visibili alcuni residui bellici.
Report visto  2013 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport