Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Monte Cimo PALE BASSE via GEM 85, 05/11/2020
Inserisci report
Onicer  garaca   
Regione  Veneto
Partenza  Brentino VR (300m)
Quota attacco  380 m
Quota arrivo  500 m
Dislivello  120 m
Difficoltà  TD- / 6a+ ( 6a+ obbl. )
Esposizione  Sud-Est
Rifugio di appoggio  nessuno
Attrezzatura consigliata  N.d.A. - 10 rinvii e 2 mezze da 50
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Avvicinamento:
Dal parcheggio, poco distante dal cimitero di Brentino, imboccare la strada in direzione del paese (nord). Superare sulla sinistra una prima strada sterrata che entra in una vigna, raggiunta la seconda, e poco prima di una piazzola con tavolo e panca in cemento, svoltare a sinistra. Costeggiare i filari della vigna per imboccare circa 50 metri dopo un sentierino (ometto) che entra nel bosco e pian piano guadagna quota. Lungo il percorso sono presenti diversi ometti.
La targhetta di alluminio S5 SF su albero indica che si è sul sentiero giusto. Giunti sotto la verticale dell'evidente diedro attacca la via Gem 85. Circa 15 minuti dal parcheggio. La targhetta col N.1 non c'è più e la scritta nera col nome della via è praticamente sparita.

Note:
Itinerario storico ed interessante che supera l’evidente diedro della pala rocciosa sopra l’abitato di Brentino. Salito da Sergio Coltri, Carlo Laiti nel 1985.
La via è ottimamente spittata , ma i passi vanno conquistati. 10 rinvii e 2 mezze da 50 tutto quello che serve.
Come tutti gli itinerari di quel periodo in Brentino , gradi da prendere con le pinze i 6a sono quelli veri.
La via è di soli 4 tiri ma vi assicuro che sul grado proposto L3 ed L4 vi rimarranno impressi per un bel po’ e valgono il viaggio.
L’autostrada anche se vicina non disturba piu’ di tanto.

Descrizione scherzosa e sommaria dei tiri:
• L1: il tetto “innoquo”. Partenza in stile pale basse con strapiombini mai banali.
• L2: “il finto trasferimento” . Placca, saltino, cengia con clessidra, traverso a sx fino in sosta. Tiro un poco anonimo.
• L3: “Il “Figo” da frutto”. Placca in diagonale e scavalcamento di pianta di fico, poi fessura verticale fotonica, spettacolo puro.
• L4: “La perfezione”. Diedro fessurato che pare finto da quanto è bello e sale verso il cielo, nel suo grado sono 15 m. di pura goduria. Da non perdere.
Discesa: Con 3 doppie verticali. D1 di 30m, D2 di 50m e D3 di 25m.

Giudizio personale:
Spesso ci chiediamo se una via corta , vale il viaggio.
Nel caso di Gem 85, la nostra risposta è : assolutamente sì.
Arrampicata molto bella, che su L3 ed L4 raggiunge , sul grado indicato, livelli di pura goduria.
Solo L2 è un tantino anonimo.
Spittatura ottima ma i passi vanno fatti.
Con super Max, troppo forte.
Per quelli veramente forti a sx sale “Limited Edition” ed a dx “Vuoto a Rendere”, solo a guardarle ho sudato…..
Ora per noi lombardi, la “zona rossa” , per il bene di tutti, ci farà stare lontani dai nostri monti…..speriamo x poco tempo. ciao.


Report visto  702 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport