Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Traversata Pizzo Camino corni di San Fermo (via Attilio Gheza) , 05/09/2020
Inserisci report
Onicer  Beps65   
Regione  Lombardia
Partenza  Borno (località Navertino) (1000m)
Quota attacco  2097 m
Quota arrivo  2491 m
Dislivello  600 m
Difficoltà  AD+ / IV+ ( IV+ obbl. )
Esposizione  Varia
Rifugio di appoggio  Laeng, San Fermo, lago di Lova
Attrezzatura consigliata  NDA. Mezza corda da 60
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento Rieccomi a percorrere questo bel viaggio nel gruppo pizzo Camino. Partiamo alle sette da Navertino, la giornata è limpidissima e rimarrà tutto il giorno così. Prima tappa al rifugio Laeng, oggi aperto, un buon caffè, due chiacchere con il gruppo di volontari di turno (oggi una bella famiglia composta da nonni, nipotino e figlia). Ripartiamo direzione passo di Varicla, pur non essendo ancora le nove, il caldo abbastanza anomalo si fa sentire. Superiamo il passo e ci spostiamo in su, finché vediamo l'imbocco del canale Nord, qui cambiamo assetto e via. Essendo solo in due non abbiamo la solita preoccupazione di sassi dall'alto, bei passaggi di II e III, sempre ben proteggibili, la corda però rimane nello zaino, in poco tocchiamo la croce di vetta, ancora nessuno in giro. Siamo ora sulle cime chiamate dai Camuni, Tabak e dagli Scalvini, Varicla, a parte la placchetta gradata IV la vera difficoltà soprattutto tra qui è la roccia da controllare passo passo. Arriviamo alla Moren, sempre soli, sono quasi le 13, ci rilassiamo quasi un ora, abbiamo tempo, l'unico intoppo è l'acqua, colpa del grande caldo la stiamo razionando con difficoltà, l'ultima goccia c'è la concediamo in vetta al primo corno di Negrino. La traversata qui ha roccia migliore e si procede spediti, tocchiamo tutte le cime fino all'ultima croce dei corni di San Fermo. Decidiamo di deviare per l'omonimo rifugio che, assetati come siamo, vediamo come un miraggio. Eccoci finalmente con il sorriso stampato ed una birra gigante, un ultima bella tappa al rifugio Lago di Lova, dove fortunatamente ci cucinano un fantastico piatto di tagliatelle al salmì di cervo. Con la pancia piena e la sete calmata ce ne torniamo alla macchina felici come bambini.
Foto 1 - passaggi
Foto 2 - cresta Tabak
Foto 3 - nord Camino
Report visto  2887 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport