Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Pizzo Cengalo, spigolo Vinci, 30/08/2015
Inserisci report
Onicer  Fedora   
Regione  Lombardia
Partenza  Bagni di Masino (1150m)
Quota attacco  2930 m
Quota arrivo  3215 m
Dislivello  270 m
Difficoltà  TD- / VI- ( V+ obbl. )
Esposizione  Sud-Ovest
Rifugio di appoggio  Rifugio Gianetti
Attrezzatura consigliata  serie di stopper e friend e qualche chiodo
Itinerari collegati  Pizzo Cengalo (3215m), spigolo Vinci
Condizioni  Eccellenti
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento Stupenda salita fatta in giornata partendo dai Bagni di Masino. Cresta impegnativa (abbiamo fatto, come quasi tutti fanno, la parte alta dello spigolo) e lunghetta considerando che c’è qualche su e giù, ma spettacolare. Pur essendo partiti dal fondovalle, a 2/3 di cresta siamo in coda. E sì che, dopo una sosta di mezz’ora, siamo partiti dalla Gianetti alle 8,30, contro le 5,30-6 di qualche cordata... eppure abbiamo fatto cmq la fila al “diedro nero”. L’attacco è ben evidente al termine degli sfasciumi appena a dx dell’imponente placconata della montagna lungo la quale si svolgono le doppie in discesa. Il tiro chiave (la “schiena di mulo”) è bellissima, su una roccia stupenda (come del resto quasi tutta la via): in pratica si ha solo una fessura sulla destra del filo di cresta dove ci si appiglia con la mano. Il resto è tutta aderenza. Più avanti il “diedro nero” impegna non poco e al suo termine c’è un passaggio di V° in dulfer di 7-8 metri, non banale. Qui ci sono diversi chiodi, ma molto precari! Meglio fidarsi dei propri friends, come anche in altri punti della via. Infine il “salto giallo”, simile alla “schiena di mulo”, con i primissimi metri in dulfer e molto atletica. Essendo quasi a fine via e con 2000 m di dislivello fatti non è stata certo una passeggiata quest’ultimo difficile passaggio! Il penultimo tiro di IV+ è lungo (55m) ma ben fessurato e permette di integrare bene con friends (meglio allungarli perché la direzione da seguire non è molto lineare nel finale). Al termine della via, le doppie partono subito da un evidente roccione (cordini) e con 6 o 7 calate (a seconda della lunghezza della corda) si scende tutta la placconata fino all’attacco. Le soste sono scomodissime, non c’è mai un appoggio decente per i piedi, tranne prima delle ultime due; occorre stare sempre appesi alla sosta col cordino... Arriviamo all'auto alle 20,15, felicissimi. Ringrazio tanto il mio socio di oggi, Cesare (ilCe), che mi ha portato a fare questo meraviglioso spigolo (già in programma da un bel po’...), tirando lui le lunghezze più impegnative e io i passaggi di IV/IV+ e dandomi istruzioni e consigli molto preziosi. Grazie Ce!
Foto (nell’it. collegato si vedono le foto della bella “schiena di mulo” e del “salto giallo”)
FOTO 1: L’attacco e il bellissimo e articolato Spigolo Vinci.
FOTO 2: Cesare lungo lo spigolo, poco prima della “schiena di mulo”.
FOTO 3: Io nel penultimo tiro, il lungo passaggio di IV+.
Report visto  2786 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report