Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Dente di Coca (Sperone di destra), 11/07/2015
Inserisci report
Onicer  Claudio2169   
Regione  Lombardia
Partenza  Valbondione (1000m)
Quota attacco  2300 m
Quota arrivo  2924 m
Dislivello  600 m
Difficoltà  PD / III ( II obbl. )
Esposizione  Sud-Ovest
Rifugio di appoggio  Merelli al Coca
Attrezzatura consigliata  Corda da 60 mt
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Buono
Commento Si parte di buon ora io Alessio e Davide , la giornata si preannuncia calda e fino al rifugio Coca una vera sauna. Dall'altopiano del lago le cose cambiano il clima pi fresco e questo ci aiuta la salita. Dal Dente di Coca degradono sul lago due speroni divisi da un canale che salendo sempre pi evidente. Attacchiamo la salita dopo un breve attraversamento su neve su un canale erboso qualche centinaia di metri sotto il passo che sembra indicarci la retta via scegliamo lo sperone di destra pi alle nostre portate non ci sono segni e bolli si segue la via pi logica cercando di mantenersi in cresta. Viaggiamo su linee di salite diversa si muove molto e qualche sasso spesso parte. Il caschetto meglio averlo , sono molti i tratti aerei ed esposti con difficolta crescendo man mano che si sale ,facciamo diverse pause cercando di raggrupparci alcuni tratti vanno ben studiati , sembra che oggi la corda non serva. Superiamo un ultimo spuntone e la croce ben evidente quasi si canta vittoria siamo all'altezza della breccia del Dente e si intravede il vecchio cavo , ma purtroppo ci troviamo davanti a una parete che sembra sbarrare la nostra salita. Essenziale l'uso della corda per la salita Alessio parte da prima lo assicuro a un vecchio chiodo poi lui effettuera il mio recupero. Recupero Davide bisogna superare delle cengie esposte fino a sbucare alla sosta che solitamente si calano con la doppia per il proseguimento verso le cime di Arigna. Ormai la croce vicina e l'emozione e tanta direi immensa. Finalmente possiamo rilassarci e goderci il panorama. La discesa l'affrontiamo dalla normale si va a prendere la prima sosta con le due corde da 30 mt facciamo la prima doppia , purtroppo per la posizione della sosta il nodo di giunzione trova facile appigli tra le roccie che costringe Alessio a risalire per liberare la corda. La seconda doppia anche lei sfigata la corda si blocca nuovamente questa volta tocca a me risalire a liberarla. Alessio preferisce scendere in libera e ci aspetta alla base. La terza calata va liscia recupero le due corde e seguiamo qualche omino il terreno pi infido fino ad arrivare alla cresta che ci porta sulla punta Isabella. Da qui siamo tutti pi tranquilli ora dopo il passo ci salutiamo e scendiamo verso il rifugio dove incontro con piacere Giorgio per la sua la salita pomiridiana. Proseguo fino ad incrociare un folto branco di camosci. Il rifugio vicino e finalmente la giornata termina , ora mi aspetta un ottima cena in compagnia di Giorgio. Tra progetti futuri e passati passiamo una splendida serata io mi fermo per la notte lui prosegue per la discesa.
Ringrazio i miei compagni per aver condiviso questa bella avventura , un saluto anche ai rifugisti , Simona e Marco.
Report visto  2780 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport