Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Sunset Running Race, 19/04/2024
Inserisci report
Onicer  oscarrampica   
Gita  Sunset Running Race
Regione  Piemonte
Partenza  Prato Nevoso  (1500 m)
Quota arrivo  2000 m
Dislivello  500 m
Difficoltà  EE
Rifugio di appoggio  Rif La Balma, Chalet Il Rosso
Attrezzatura consigliata  scarpe running chiodate o meglio ramponcini leggeri da corsa
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Trovo per caso la pubblicità una corsa sulla neve che attira lamia curiosità ed è così che la propongo ai miei amici Corridori del Cielo con i quali stiamo preparando una maratona. Giamba non può mentre Billy raccoglie l’invito e il 16 marzo partiamo al mattino dal cremasco e sulla mia Peugeot facciamo rotta verso Prato Nevoso località Piemontese dal nome altisonante ma a noi sconosciuta e quindi da vedere. La corsa partirà al tramonto e quindi abbiamo tutto il tempo necessario per farcela in giornata. Partiamo dal cremasco nella mattinata e dopo un viaggio sulle rotte dei navigatori in contrasto, puntiamo Alessandria e poi Asti e poi giù a sud vs il mare toccando Alba e poi Mondovì, godendo di montagne mai viste, fra cui i mitici Marguareis e il Rocciamelone. Circa alle 14 la strada smette di salire e approdiamo nell’affollatissima, di persone e di auto, conca di Prato Nevoso. Colline tondeggianti imbiancate circondano il sito ma alberghi,case e un intero dosso trasformato in un formicaio di edifici rendono il luogo ecologicamente insostenibile. Non c’è parcheggio chiaramente e proseguiamo volentieri lungo la strada per allontanarci dal brulichio umano e di veicoli. Saliamo un paio di chilometri per la strada le cui corsie laterali sono state trasformate in parcheggi. Cerchiamo un bel posto che non c’è un poco fuori dal caos finchè la strada finisce in un nuovo parcheggio e piazzale impianti e allora decidiamo di tornare nell’unico slargo che avevamo visto salendo. Sono da poco passate le 13 e mangiamo le nostre focacce e poi alle 14 schiacciamo un pisolino. Al risveglio è ancora presto e facciamo due chiacchere guardando i gruppi di turisti che affollano la neve e cominciamo a scherzare immaginando i loro post “ giornatona in montagna”, “ immersi nella natura e il vincente perché palesemente assurdo “ nella solitudine ritrovo me stesso” e ridiamo come matti. Poi dopo le 15 il silenzio che non c’è è rotto ulteriormente dal rombo di un grande elicottero bianco che sorvola il cielo azzurro e scende sopra di noi. Immaginiamo allora che manca solo la parata dei carrarmati e le frecce tricolori..che magari dietro la collina c’è anche il porto con gli yacht. Scopriremo l’indomani per ulteriori risate che l’elicottero era di Silvia Toffanin la moglie di PierSilvio Berlusconi, venuta colà con la famiglia. Scendiamo verso le 16 e finalmente lo sciame degli sciatori scivola verso la piana e troviamo da lasciare la macchina. Andiamo sulle piste dove è allestito il gonfiabile che segna la partenza e giriamo un mini video in mezzo alla calca e con vista sulla collina degli alberghi dove ribadiamo di ritrovare noi stessi nella solitudine. Poi troviamo il mitico, simpaticissimo e disponibilissimo Marco Olmo ( uno dei motivi per cui siam venuti fin qua ) e ci scherziamo fra una foto e l’altra. Ci prepariamo calzando i ramponcini ai piedi e abbiamo la fortuna di essere ripresi e comparire nel video ufficiale della Sunset Running Race 2024. Alle 17.30 pronti via e iniziamo subito affrontando il duro muro che fa schizzare subito a mille i battiti cardiaci e poi il lungo falsopiano dove provare a recuperare e in cui corriamo dietro a Olmo con Billy che gira un altro mini video. Poi Billy innesta la sua progressione e io cerco di seguire Olmo. La neve è abbastanza marcia e la fatica è paragonabile a quella di correre nella sabbia…molta fatica e poca velocità. Ho corso anche ieri..non voglio strafare e salgo tranquillo aspettando sereno che terminino i 500 metri di dislivello che ci devono portare al punto più alto del percorso passando per il Rif. La Balma e poi allo Chalet il Rosso a q.ta 2000. Ho perso Olmo verso la fine della salita..sale lento ma come un diesel non ha mai soste o rallentamenti…sembra viaggiare su un nastro teletrasportato. Un piccolo tratto in piano e poi inizia la discesa…mi accorgo subito di avere le gambe fresche e di recuperare molte posizioni…poi quando mancano un paio di km e la conca è ormai in vista sotto di noi accelero fortemente e sfruttando scie favorevoli a bordo pista precipito letteralmente in uno sprint inaspettato. Ormai in vista dell’arrivo e dell’ultimo ripido supero un nutrito gruppo di runner e…..sbaglio strada entrando in una pista battuta. Me ne accorgo perché dall’alto mi urlano qualcosa e per tagliare affondo in una costa di neve fresca perdendo più di un minuto. Tra l’incazzato e il divertito riprendo lentamente velocità e super altri runner che cadono sull’ultimo ripido. Poi col cuore che pompa a mille la voce di Francesco che mi saluta e dice che Marco è appena arrivato. Mi risveglio dalla corsa e gli chiedo dov è per fare nuove foto ricordo insieme a lui che gentile come al solito concede (una di queste foto finirà addirittura sulla sua pagina instagram per la gioia di Billy che mi annuncerà in seguito oltre mille visualizzazioni…siamo famosi!). Ci salutiamo con Marco, pare che siamo amici ormai, e andiamo a cercare di risolvere il mistero delle docce che appare difficile da risolvere. Nessuno sa niente e quando finalmente individuiamo il nome dell’Hotel dove dovremmo farle ci attende un’altra sorpresa. Nessuno ha avvisato l’ Hotel e quindi nel caos di gente che entra, gente che si lamenta, telefonate e contrordini, viene aperta una porta e mi c’infilo veloce. Dietro un muretto c’è una doccia e io e un altro tipo la facciamo per primi. Esco chiamo Billy..la scena è demenziale..io fresco e profumato..nel corridoio una folla di runner sudati e arrabbiati. All’unanimità viene scelto di premiare le ragazze e la bella oltre che vincente Alice Minetti con la sua amica, hanno l’onore di fare la doccia mentre io mi cambio oltre il muro. Cadono a vuoto i miei tentativi di propormi per lavar loro la schiena..si scherza e si ride..e le saluto dicendo di farmi sapere se cambiano idea. Aspetto Billy sui divani per quasi un ‘oretta perché nel frattempo fanno la doccia prima tutte le girl. Quando esce davanti a tutti gli faccio il culo accusandolo di averci messo così tanto tempo perché spiava le ragazze..non le ho solo spiate risponde malizioso. Allora io mi giro verso Alice e la ringrazio per l’oretta passata con lei sui divani…e nuovamente ridiamo tutti di gusto. Usciamo sotto le stelle e ora finalmente il silenzio cattura bagnandoci di blu e di stelle. Torniamo con le solite questioni sui navigatori…e con la solita multa che mi arriva a casa. Ma che bello è stato Billy?
Foto1 come cazzo si allacciano i ramponcini? Foto 2 scherzando con Marco olmo Foto 3 passaggio in gara

Report visto  2311 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport