Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Monte Segnale, 12/11/2023
Inserisci report
Onicer  Pierpaolo   
Gita  Monte Segnale
Regione  Lombardia
Partenza  Valgoglio fraz. Bortolotti (BG)  (1175 m)
Quota arrivo  2183 m
Dislivello  1040 m
Difficoltà  EE
Rifugio di appoggio  Nessuno
Attrezzatura consigliata  Normale da escursionismo + ramponi
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Discrete
Valutazione itinerario  Buono
Commento Oggi torniamo dopo tanto tempo nella zona di Valgoglio e del Monte Madonnino, e visto che la prima nevicata un po’ più seria della stagione ha imbiancato la zona puntiamo a una cima secondaria sulla Costa d'Agnone, la cresta che sale al Madonnino: il Monte Segnale.
Parcheggiata l’auto a Bortolotti prendiamo il sentiero 228, inizialmente nel bosco, che sale in direzione del Lago Sucotto.
Superato uno strappo più ripido salendo a zig zag, ci troviamo dinnanzi a una costruzione posta poco sotto il lago.
Continuiamo a salire e una volta giunti al Lago Sucotto calziamo per sicurezza i ramponi per superare qualche breve passaggio leggermente esposto.
Guadagniamo quota in ambiente sempre più spettacolare, camminando in direzione della Baita Cernello.
Superato un traverso a mezzacosta leggermente esposto arriviamo alla Baita, e da lì sterziamo a destra, prendendo il sentiero 230 diretto al Passo Portula.
Avanziamo nella neve in spazi molto aperti, con la nostra meta già ben visibile davanti a noi.
Arrivati nei pressi della vetta, lasciamo il sentiero diretto al Portula prendendo una traccia battuta nella neve che sale diretta e ripida.
Con cautela saliamo con l’aiuto dei ramponi, raggiungendo la panoramica vetta.
Per compiere un giro ad anello, anziché tornare sui nostri passi seguiamo in discesa la Costa d’Agnone tramite un sentiero, anche questo leggermente battuto, che passa poco sotto la cresta.
Persa un po’ di quota, seguiamo la traccia che continua su un’altra cresta rivolta completamente a sud, puntando una baita e un laghetto posti su una spianata più in basso.
Seguendo una strada sterrata via via priva di neve torniamo nei pressi di un pianoro, incrociando il sentiero 228 seguito in salita che in questo punto è ancora una strada.
Anziché seguire integralmente il sentiero 228, proseguiamo la discesa sulla strada in modo da toccare meno possibile la via di salita, sebbene il percorso si allunghi leggermente, concludendo così questa bella escursione, spettacolare nella parte alta con le condizioni odierne.

Foto 1: la vetta davanti a noi
Foto 2: ambiente spettacolare
Foto 3: lungo la discesa
Report visto  2294 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport