Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Pzo del Vento-M. Tartano-M. Azzaredo-Lago Cavizzola, 05/11/2022
Inserisci report
Onicer  Fedora   
Gita  Pzo del Vento-M. Tartano-M. Azzaredo-Lago Cavizzola
Regione  Lombardia
Partenza  Rif. Madonna delle Nevi (Str. Pso S. Marco)  (1350 m)
Quota arrivo  2292 m
Dislivello  1200 m
Difficoltà  EE
Rifugio di appoggio  Rif. Balicco
Attrezzatura consigliata  Normale da escursionismo. Oggi utilissime ghette e bastoncini
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Essendo una zona che non frequentiamo molto, ne abbiamo approfittato per questo bel giro ad anello che, essendo oggi quasi tutto su neve (dai 1500m in su), è risultato molto più entusiasmante e spettacolare, soprattutto nei tratti di cresta al Pizzo del Vento e al M. Tartano.
Dal Rif. Madonna delle Nevi seguiamo il sentiero per il rif. Balicco (124A), incontrando già neve dopo 150m di dislivello. Superate la Casera Azzaredo (1795m), la stalla Azzaredo e la Baita Arletto (1860m), dopo 1h e 20’ di cammino raggiungiamo il rifugio (1995m. Le indicaz. per 2h e 20’ alla partenza sono veramente troppo esagerate…). Seguiamo poi il sentiero per la Bocchetta di Budria (2116m), con neve che diventa sempre più abbondante anche per l’azione del vento (fino a 30cm in alcuni punti), e arrivati alla bocchetta, davanti a noi appare la bella sagoma del Pizzo del Vento (2235m). La cresta è inizialmente facile, poi un po’ esposta e aerea in alcuni tratti. Le roccette sporche di neve richiedono attenzione, ma dopo 15’ dalla bocchetta siamo in vetta. Tornati al passo, pieghiamo a sx e seguiamo la cresta verso il M. Tartano. Non ci sono difficoltà, sempre solo attenzione per la presenza di neve. Nell’ultimissimo tratto superiamo facili roccette e siamo in vetta (2292m, 30’ dalla bocchetta). Decidiamo di proseguire anche per il Monte Azzaredo; così proseguiamo in lieve per la cresta e in circa 20’ siamo su quest’altra cima (2254m). Avremmo voluto proseguire fino alla Bocchetta di Piedevalle sempre per cresta, ma la presenza di neve sui tanti tratti di roccette ci avrebbero complicato troppo le cose. Così continuiamo brevemente in discesa lungo la cresta; poi deviamo a dx scendendo da un pendio erboso piuttosto ripido, ma in questo caso la tanta neve ci aiuta e arriviamo nell’ampia conca sottostante, nei pressi del rif. Balicco. Circa 10’ prima del rifugio, deviamo a sx imboccando il sentiero 101 che, con gli ultimi ripidi 100m, ci porta alla Bocchetta di Piedevalle. Da qui in pochi minuti saliamo a quella che dovrebbe essere l’anticima del M. Azzaredo (ometto). Tornati alla bocchetta, scendiamo a dx (indicaz. Laghetto Cavizzola), facendo poi una sosta al caldo sole presso la bellissima baita Piedevalle (1944m). Ripartiamo e in pochi minuti arriviamo al piccolo ma splendido Laghetto di Cavizzola, da dove poi scendiamo a dx dal sentiero che poi si immette nel bosco e, ripidissimo, porta alla stradina finale verso il rif. Madonna delle Nevi, e quindi alla macchina.
Giornata super anche se con un bel venticello da nord!
Partecipanti: Fedora, Lidia, Vittorio e Riccardino.

FOTO 1: Il Pizzo del Vento dalla Bocchetta di Budria.
FOTO 2: Lungo la cresta verso il M. Tartano.
FOTO 3: Dal M. Tartano, la lunga cresta percorsa dalla bocchetta di Budria e, a dx, in primo piano, il Pizzo del Vento.
Report visto  637 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report