Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Monte Cavallo, 15/01/2022
Inserisci report
Onicer  pangma   
Gita  Monte Cavallo
Regione  Lombardia
Partenza  Ponte dell'acqua  (1250 m)
Quota arrivo  2323 m
Dislivello  1100 m
Difficoltà  F
Rifugio di appoggio  nessuno
Attrezzatura consigliata  Piccozza e ramponi INDISPENSABILI !!
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Pessime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Partito alle 9.15, in cima alle 11:45, non senza qualche piccolo patema.
Tanto ghiaccio, erba affiorante e poca neve.
Anche il tratto di forestale che porta alla Baita di Val Terzera (..si chiama così poi ?) presenta tratti con ghiaccio vivo. Tra la baita ed il colletto su cui si sbuca dopo il lungo traverso di dx nel bosco, da cui si attacca la lunghissima cresta che porta al Cavallo, c'è una colata di ghiaccio trasparente che, di fatto, ti obbliga a tirar fuori i ramponi per fare 3 metri e proseguire sul sentiero.
La cresta, inizialmente, non presenta grandi difficoltà, ma a 200 mt circa dalla cima, quando la traccia di sentiero scende a sx (in ombra), si trovano tratti di neve durissima e ghiaccio che costringono ad un progressione delicata.
Il crestone finale è tutto in neve dura e trasformata, mista a erbe affioranti, che ti obbligano a calzare i ramponi e prendere in mano la picca.
In cima clima gradevolissimo e paesaggio fantastico (si parte dal Monviso, si passa dal Cengalo e dal Badile, al Disgrazia, al Bernina....).
In vetta incontro 3 simpatici bresciani con cui scambio 4 chiacchiere prima di ridiscendere, poco dopo di loro: 50 mt di discesa ed uno dei 3 inciampa, così m'è parso, e inizia a scivolare di pancia verso la pala di dx, fermandosi a pochissimi secondi dal baratro della bastionata rocciosa del Cavallo (quella che fa da anfiteatro al passo di S. Simone per intenderci).
Come ha fatto a fermarsi solo il Cielo lo sa...cadendo aveva perso la picca (non aveva infilato al polso la fettuccia)ed aveva preso velocità in quel tratto così ripido (40/45°) e con una neve durissima...UN MIRACOLO.
Sanguinante al viso ed alle mani, senza apparenti traumi gravi, ma sotto schock, è stato prelevato dall'elisoccorso 30 min dopo la caduta.
Con le condizioni attuali, di neve stantia e fortemente trasformata, portarsi appresso picca e ramponi è cosa intelligente.
Sempre grazie al Padreterno per il dono delle montagne, e grazie per aver fermato con la sua mano un ragazzo destinato a morte certa.
Foto 1: ghiaccio sul sentiero
Foto 2: traverso su neve pressata e ghiaccio
Foto 3: ultimo tratto di crestone


Report visto  2016 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport