Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Zucco Orscellera, 25/10/2020
Inserisci report
Onicer  Pierpaolo   
Gita  Zucco Orscellera
Regione  Lombardia
Partenza  Barzio fraz. Concenedo (LC)  (925 m)
Quota arrivo  1858 m
Dislivello  990 m
Difficoltà  EE
Rifugio di appoggio  Vari ai Piani di Bobbio
Attrezzatura consigliata  Normale da escursionismo
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Discrete
Valutazione itinerario  Discreto
Commento Oggi tiriamo fuori dal cassetto un’escursione progettata qualche settimana prima, pronta perciò all’uso per l'occorrenza. La meta è lo Zucco Orscellera, facile cima già più volte salita in passato dal versante bergamasco, mai però da quello lecchese.
Arrivati a Concenedo, frazione posta poco sopra Barzio, ci avviamo affidandoci principalmente a GPS e cartina sullo smartphone, perché nel primo tratto non ci sono indicazioni che possano dirigerci sulla strada giusta.
Seguendo una traccia sempre presente tra prati e boschi, arriviamo in località Acquadela, da cui iniziano a vedersi le prime indicazioni per lo Zucco Orscellera. In realtà noi seguiamo questo sentiero solo per un breve tratto, perché porta in cima attraverso la Bocchetta di Pesciola, mentre il nostro scopo è quello di salire tramite la più diretta cresta della Corna Rossa, di cui si hanno poche informazioni.
Prendiamo così una deviazione a sinistra che ci immerge in un bosco più fitto e con qualche zig zag ci fa guadagnare quota con più decisione.
Arrivati in località Prato dell’Orso il bosco lascia spazio a pendii erbosi e panoramici. Da qui in su le pendenze si fanno sostenute e si cammina perciò su percorso via via più evidente, ripido ma mai pericoloso.
La fatica si fa sentire salendo di quota, ma il panorama alle nostre spalle ripaga.
Man mano che si sale e ci si avvicina alla vetta, le pendenze diminuiscono gradualmente e altrettanto gradualmente la cresta tende a restringersi, sebbene non presenti mai un’esposizione preoccupante.
Giunti all’incrocio con il sentiero che proviene dalla Bocchetta di Pesciola, il percorso è elementare fino in vetta, costeggiando la pista da sci. Purtroppo la presenza di nubi basse che avvolgono la cima impedisce del tutto la visuale circostante.
Per scendere, con lo scopo di fare un giro ad anello, seguiamo la pista fino al Rifugio Campelli, dopodiché imbocchiamo il sentiero S3 che scende diretto, un po’ nel bosco e un po’ fuori, fino alla località Biancolina, dove prendiamo l’incrocio con il sentiero S2 che ci riporta a Concenedo.
Nonostante la ripidezza, quello dalla Corna Rossa è a nostro avviso un percorso a torto poco battuto, perché ripaga con spazi aperti, un bel panorama e rischi assenti quando non c’è neve.

Foto 1: visuale poco sopra la località Prati dell'Orso
Foto 2: nel punto dove la cresta si restringe, ma non è mai troppo esposta
Foto 3: vetta
Report visto  444 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport