Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Pizzo dei Tre Confini, per la Val Bondione, 25/07/2020
Inserisci report
Onicer  Doc 1971   
Gita  Pizzo dei Tre Confini, per la Val Bondione
Regione  Lombardia
Partenza  Lizzola Alta  (1250 m)
Quota arrivo  2824 m
Dislivello  1574 m
Difficoltà  E
Rifugio di appoggio  Bivacco Patrizio Merelli al lago Bondione
Attrezzatura consigliata  da escursioni
Itinerari collegati  Pizzo dei Tre Confini (2824m), per la Val Bondione
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Lizzola-Pizzo Tre Confini-Lago Barbellino-Rifugio Curó-Lizzola

L'idea era di fare il Diavolo di Tenda da Carona; ma condizioni fisiche e qualche incertezza ci inducono a modificare dislivello e meta, comunque rimanendo in zona. Il Pizzo Tre Confini si presta benissimo: discreto sviluppo e dislivello, e panorama incantevole sulle Orobie. In più, il temporale di venerdì scorso ha abbassato le temperature, ottima prospettiva per una gita esposta a Ovest, e quindi con sole sempre davanti, in luglio. Saliti da Valbondione fino a Lizzola, parcheggiamo la macchina davanti agli impianti, accanto all'Hotel Camoscio. Saliamo la strada asfaltata, e dopo qualche metro inizia la mulattiera, ben indicata dal cartello. Rimanendo sulla sinistra orografica del torrente in valle, attraversiamo un lungo pianoro, per poi salire, passando un breve tratto attrezzato. Il sentiero poi piega verso Sud, finché si arriva alla baita Sasna (q. 2000 circa), situata in un delizioso alpeggio, ideale per fermarsi a bere, mangiare e fare qualche foto. Da lì si sale, e si arriva a un laghetto. Fare attenzione, perché l'impulso sarebbe quello di andare avanti, in realtà si deve piegare verso sinistra, e salire sull'altro costone della valle (ometti e bolli). L'ambiente cambia decisamente, da alta e rocciosa montagna. Arriviamo poi a un altro pianoro sfasciumoso, e rimanendo sulla sinistra, con salita a zig zag, giungiamo al Passo Bondione (q. 2650). Dopo un breve traverso, il pendio diventa molto più ripido, fino alla breve cresta che porta in vetta (qualche attenzione per un breve passaggio esposto in discesa). Lassù ammiriamo le piramidi delle Orobie (Gleno, Recastello, Redorta, Diavolo, prossimi e potenziali obiettivi), mentre dietro di noi si mostra la parete Nord della Presolana. Decidiamo di completare un anello, scendendo verso il lago di Barbellino, costeggiando il versante Sud del Recastello. Occhio ai nevai sparsi, e attenzione, soprattutto nella parte iniziale della discesa, a non perdere il sentiero tracciato. Dal lago una comoda mulattiera porta al Rifugio Curò. Dove siamo fortunatissimi a trovare posto , e ancora più fortunati a trovare il rifugista che ci fa mangiare in un quarto d'ora. Molto bella, la parte iniziale della discesa a Valbondione (per me era la prima volta), a picco sulla valle, e le cascate del Serio sulla sinistra. Poi purtroppo dobbiamo prendere un traverso poco battuto, su erba alta, e quasi infinito, per tornare a Lizzola. Alla macchina, il GPS del socio dava 1850 D+ e quasi 19 km.
Con Roberto
Report visto  1748 volte
Immagini             

[ Nessuna immagine disponibile ]
Fotoreport