Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Grignone per il versante orientale, 12/02/2020
Inserisci report
Onicer  Fabrizio Righetti      
Gita  Grignone per il versante orientale
Regione  Lombardia
Partenza  Colle del Balisio  (725 m)
Quota arrivo  2407 m
Dislivello  1680 m
Difficoltà  OS
Esposizione in salita  Est
Esposizione in discesa  Est
Itinerari collegati  nessuno
Neve prevalente  Trasformata
Altra neve  Trasformata
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Buone condizioni al Grignone ma nulla è scontato. Per completezza riporto quanto ho già scritto su fb.

Questo pomeriggio il Grignone è stato ancora una volta benevolo con noi, regalandoci una ennesima emozionante discesa.
Non era facile capire come sarebbero state le condizioni della montagna dopo la scaldata dovuta al favonio di ieri, seguita poi da un calo delle temperature. La probabilità di trovare 'vetro' non erano così remote.
Zero termico a 1500 m e sole ancora basso ci fanno optare per un'uscita pomeridiana. E così verso le 12 e 15 partiamo dal Balisio confidando di trovarci in alto nel momento di massima fusione del manto nevoso. Che meraviglia di giornata, i colori sono intensi grazie alla secchezza dell'aria e il contrasto tra la parte bassa priva di neve e il biancore della porzione sommitale è massimo.
A 1500 m di quota cambio assetto e calziamo scarponi e sci e si parte. Si capisce subito che nella notte si è formato uno strato di neve verificata ma fortunatamente nel pomeriggio, grazie al calore, questo si sta disgregando. Certo è un po' inquietante risalire i ripidi pendii della montagna accompagnati dal luccichio di questo 'vetro', ma la progressione è sicura e comoda.
Poco prima delle 15 siamo in vetta, panorama strepitoso, e visibilità eccezionale. Ma non si deve perdere tempo perché la pala a breve andrà in ombra e si rischia che il vetro torni a solidificarsi.
Partiamo dalla balaustra del rifugio e la prima curva ci da subito la certezza che ci divertiremo. Ad ogni curva una miriade di cristalli scivolano a valle provocando quel caratteristico suono metallico, scoprendo una neve ben morbida. È incredibile! Raggiungiamo la base con le ombre che si allungano ma ormai è fatta. Con calma ci cambiamo e rientriamo a valle con le luci del tardo pomeriggio.
Oggi con Giacomo Corsini e Davide Cherobin che ha fatto la sua prima sciata sulla montagna madre
Report visto  3082 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport