Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   MONTE BIANCO, per la Cresta Nord del Dome du Gouter, 12/05/2018
Inserisci report
Onicer  sorega      
Gita  MONTE BIANCO, per la Cresta Nord del Dome du Gouter
Regione  Francia
Partenza  Chamonix, Funivia Plan des Aiguilles  (2316 m)
Quota arrivo  4810 m
Dislivello  2500 m
Difficoltà  OSA
Esposizione in salita  Varia
Esposizione in discesa  Varia
Itinerari collegati  nessuno
Neve prevalente  Trasformata
Altra neve  Farinosa
Rischio valanghe  2 - Moderato
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento Salire e scendere il Bianco con gli sci è un'impresa nell'impresa che unisce lo scialpinismo con l'alpinismo attraverso il massiccio montuoso più alto delle Alpi. Ci vuole forza, allenamento, acclimatamento, costanza e un pizzico di fortuna per trovare meteo e condizioni ottimali. Per i primi quattro punti è senza dubbio una questione personale che quasi ognuno di noi può costruirsi un po' alla volta, per gli ultimi due quest'oggi il meteo è stato eccellente e le condizioni della montagna quasi ottime. La salita al rifugio dei Grands Mulets è su neve fin dalla stazione della funivia del Plan de l'Aiguille. La "jonction" si passa con molta attenzione con passaggi delicati su crepacci che si aprono sotto ai piedi. Per la salita si può optare per la classica via del "plateu", soggetta però al rischio di caduta dei seracchi soprastanti, oppure per la più impegnativa Cresta Nord del Dome du Gouter. Noi abbiamo scelto quest'ultima anche se comporta almeno un'ora in più alla già lunghissima ascesa. Quest'anno la cresta presenta una parte con ghiaccio vivo che complica di più la progressione. Sono presenti due corde fisse che non facilitano però tutta la sezione in ghiaccio. Sono neccesari 3 tiri da circa 30 m l'uno per superare questo tratto. Poi si continua fino all'uscita sul pianoro glaciale sommitale dove si rimettono gli sci. In totale sono circa 400 m di dislivello da farsi con buoni ramponi ben affilati più una picozza tecnica e una classica. Incredibilmente il pendio sottostante la Capanna Vallot, di solito sempre ghiacciato, era ricoperto da una piacevole polverina. La cresta delle Bosses è in condizioni eccellenti e anche il crepaccio con muro di ghiaccio a quota 4600 m circa, "spauracchio" per due anni delle moltissime cordate che si sono qui succedute, si è quasi completamente spianato ed è superabile con un singolo passo. La parete Nord è in condizioni eccellenti ed è stata sciata alla grande. Quest'anno è sciabile anche una bella variante a destra della cima, per chi guarda dal basso, che negli anni passati era invece impraticabile per la presenza di gue grossi seracchi che impedivano la sciata. Nonostante abbia insistito un pochino, il buon Paolo non se l'è sentita di affrontare la Nord in discesa e quindi abbiamo fatto avanti e indietro per la Cresta delle Bosses. La lunghissima e interminabile discesa è stata su bella polverina e poi su neve trasformata. Sciare sotto l'enorme seraccata soprastante il "Plateu" fa ancora più impressione e paura del "Corridor" al Grand Combin. Ripassando dalla "jonction" abbiamo potuto constare che una parte di un ponte di neve era crollata rendendo il passaggio ancora più insidioso. E le ultime risalite per rientrare alla stazione della funivia sono state come sempre una tortura crudele per ricordarci che non era ancora finita.
Grande avventura con un mitico Paolo.

Foto 1: Passaggio delicato alla "jonction"
Foto 2: Il crepaccio sulla Cresta delle Bosses a quota 4600 m circa
Foto 3: sciatori sulla Nord del Bianco

Fotoreport a questo link:
https://www.facebook.com/mauro.soregaroli/posts/10217031640049647
Report visto  2117 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport