Indice del forum
Road Event wk38 468x60
Home Gallery
Report
Itinerari
AlbumAlbum    FAQFAQ     CercaCerca     GruppiGruppi    RegistratiRegistrati     Lista utentiLista utenti   ProfiloProfilo     Messaggi privatiMessaggi privati     Log inLog in  
Piccozza Grivel X-Blade

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Lab
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
LorenzOrobico



Registrato: 08/02/07 23:23
Messaggi: 9201
Residenza: Trescùr (BG)

MessaggioInviato: Lun Gen 05, 2015 10:46 pm    Oggetto: Piccozza Grivel X-Blade Rispondi citando



Questa piccozza non ha bisogno di presentazioni in quanto il design e la realizzazione in un singolo pezzo di acciaio la rendono piuttosto caratteristica.

Durante le ultime uscite su ghiaccio ho avuto modo di provarle e mi sono trovato particolarmente bene.
Tanto che attualmente questa è l'unica piccozza da cascata che mi è rimasta nell'armadio.

Piccozza veramente poco faticosa per gli avambracci, principalmente riscontro tre aspetti fondamentali:
- bilanciamento dell'attrezzo: molte case cercano di appesantire la testa per aumentare la capacità di penetrazione, la X-Blade ha una distribuzione delle masse più equilibrata. Questo fa sì che venga garantita una certa forza d'inerzia mantenendo il baricentro più vicino alla mano dello scalatore. Serve di conseguenza meno energia per eseguire lo swing e in generale per maneggiare l'attrezzo. Piccozza a basso momento d'inerzia...
- l'impugnatura è più stretta e lunga che rotonda e gli spigoli non sono troppo smussati, si tiene quindi con meno sforzo. Un grip estremamente semplice, ma veramente ben progettato ed efficace, è lo stesso della X-Monster
- la becca è ottima, non spacca, entra molto spesso al primo colpo, questa non è certo una novità in casa Grivel

Altre cose che mi sono piaciute.

Il manico, nella zona vicino alla scritta GRIVEL blu, è molto profondo, questo fa sì che vada a raspare negli agganci con un certo anticipo (ed efficacia), soprattutto in corrispondenza del dentino a punta sotto la becca. Aspetto da verificare su ghiaccio più lavorato a cavolfiori, ma osservando la curvatura del manico rispetto ad altre piccozze l'impressione è buona.

Il dentino a punta sotto la becca e i suoi vicini lavorano particolarmente bene anche nelle uscite dal ghiaccio alla neve. Quelle zone delicate dove la neve ti nasconde il ghiaccio... il fatto di avere un manico più sottile di 1/2 centimetro fa sì che affondando con decisione l'attrezzo si abbia una buona tenuta nella neve, molto superiore ad un attrezzo con manico tubolare.

Infine l'ingombro minimo è un plus in molte situazioni, quando devi infilare la becca tra due candeline o quando ti trovi in sosta e vuoi appendere la picche all'imbrago, con un piccolo moschettone a ghiera te le agganci senza problemi entrambe. Il vantaggio dell'essenzialità.

Poche le sensazioni negative.
Qualche dubbio sulla lunghezza dell'attrezzo forse 2-3 cm in più non guasterebbero, ovviamente per i miei gusti personali.
Qualche colpo non andato a segno forse a causa di un po' di massa battente che manca se il ghiaccio è duro. Ho provato ad aggiungere una massa battente, ma alla fine le preferisco "liscie".
Manca il martello non tanto per piantar chiodi, ma a volte per "scarotare" le viti è utile dare qualche colpo sulla testa.

Seguiranno altre impressioni durante la stagione ghiacciatoria.
Qualche foto delle uscite di "test".








_________________
Ascolta e dimentica, vedi e ricorda, fai e capisci.
Visita il mio blog
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Lab Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi







Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it



utenti collegati