Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Canale SOVIAN (Ovest) al Legnone, 13/03/2021
Inserisci report
Onicer  maurizio1972   
Regione  Lombardia
Partenza  Rif Roccoli dei Lorla  (1450 m)
Quota attacco  2040 m
Quota arrivo  2609 m
Dislivello della via  550 m
Difficoltà  PD+ ( pendenza 55° / I in roccia )
Esposizione in salita Ovest
Rifugio di appoggio  Roccoli dei Lorla
Attrezzatura consigliata  Normale da alpinismo in queste condizioni (ottime)
Itinerari collegati  nessuno
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Oggi la partenza con il buio profumava di primavera anche in città: l’odore dell’inverno ci sta salutando e fa sembrare la sveglia alle 4 meno greve. Il volto della montagna è meno severo con i colori che ne iniziano ad addolcire i pendii.
Bellissima e composita comitiva (Ale, Graziano e il piccolo grande alpinista Richy, Daniele e Mirco) Per il nostro Canale So.Vi.An al Legnone. Alle 6.15 iniziamo a salire dal rif. Roccoli dei Lorla (1460mt) su ottima neve dura , con qualche tratto scoperto fino all’Alpe Agrogno Basso (1644mt), poi su neve continua fino alla porta dei Merli e successivamente traverso secco fino al bivacco Cà de Legn (2146mt). Noi scegliamo di ramponarci poco oltre l’alpe Agrogno Alto (1845mt); la scelta è giusta perché la salita è ripida ed esposta, su neve sempre marmorea. Dal bivacco torniamo indietro di qualche metro per trovare una ripida lingua di neve che scenda a compiere un traverso e arrivare quindi a intercettare il canale; si perdono almeno un centinaio di metri per raggiungere la base del canale che si presenta totalmente innevato e in ottime condizioni. L’innevamento sui saltini delle placche rocciose però non ne avrà ancora per molto e su di uno, poco oltre metà canale, è meglio non caricare troppo il pendio, perché abbiamo avuto il vago sentore che qualcosa si muovesse. Il canale ha pendenze iniziali non eccessive (40°-45°), si impenna in qualche punto (55°-60°), ma è ben pedonato e su neve sempre buona. L’uscita diretta è ottima e permette di far lavorare le picche, che sono rimaste spesso solo d’appoggio. Discreto affollamento oggi sull’itinerario, normale compresa. Una cordata anche su “amori incerti”. In vetta arriva l’avvisaglia del foehn in ingresso da Nord e scendiamo dopo poco. Il vento freddo mantiene la neve in ottime condizioni anche sull’assolata via normale; i pezzi più noiosi sono proprio quelli secchi, da disarrampicare con i ramponi. Alle 14 siamo all’auto dopo una appagante salita, mai ostica e fatta in piena sicurezza: itinerario, meteo e compagnia perfetti.
Report visto  576 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report