Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Aiguille de Bionnassay, 26/07/2020
Inserisci report
Onicer  gio60   
Regione  Valle d'Aosta
Partenza  Parcheggio n3 Val Veny  (1600 m)
Quota attacco  3000 m
Quota arrivo  4052 m
Dislivello della via  1150 m
Difficoltà  AD- ( pendenza 45° / I in roccia )
Esposizione in salita Sud-Ovest
Rifugio di appoggio  Gonella
Attrezzatura consigliata  Alta Montagna e da Ghiacciaio
Itinerari collegati  nessuno
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Il già lungo avvicinamento al rifugio Gonella è aumentato di 40 minuti per una sbarra posta al limite del parcheggio n 3. In salita siamo rimasti dopo la morena sulla dx orografica il più possibile su neve portante, mentre al ritorno abbiamo optato per il mezzo del ghiacciaio del Miage tutto su pietraie, seguendo delle rare paline e omini.
Ottimo e cortese il trattamento al rifugio, da sistemare i canaponi, le scalette e alcuni tratti del sentiero attrezzato.
Domenica partiamo con comodo alle 3.15 unici verso l’Aiguille calcolando di arrivare sotto il Col des Aiguille Grises alle prime luci dell’alba. Seguiamo la traccia fino a pochi metri sotto il Piton des Italiens dove svoltiamo a sx e su roccette perdiamo 140 m di quota fino al colle de Bionnassay. Qui incrociamo due cordate che arrivano dal rifugio Durier e hanno già fatto la vetta. Grazie a loro la cresta innevata di 20 cm di neve fresca è in parte tracciata. Nel frattempo fitte e veloci nuvole iniziano a comparire accompagnate da un discreto vento, solo il materiale portato come mascherina, scaldacollo, guantoni di ricambio più pesanti, antivento trapuntata,mi permettono di resistere al freddo.
Arriviamo in vetta in 4.15 ore, ci fermiamo10 minuti sperando di scattare qualche foto con panorama, ci riusciamo in parte.
Impegnativo il ritorno fatto concentrandosi ad ostacolare le raffiche più forti, opponendosi e piegandosi, l’esposizione e la sottile cresta non permette errori. Abbiamo incontrato molte cordate che avevano rinunciato alla vetta del Monte Bianco per il forte vento.
Pranzo alle 11 al Gonella , alle 17.15 siamo all'auto.
Grazie a Marco, sempre fortissimo.
Foto 1 Verso il Monte Bianco
Foto 2 La cresta vista dal Piton des Italiens
Foto3 Dalla vetta
Report visto  2048 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport