Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Presanela dal Monte Nero, via normale, 27/06/2020
Inserisci report
Onicer  Beps65   
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza  Val Nambrone (parcheggio rif. Segantini)  (2021 m)
Quota attacco  3000 m
Quota arrivo  3558 m
Dislivello della via  600 m
Difficoltà  F+ ( pendenza 35° / II in roccia )
Esposizione in salita Sud-Est
Rifugio di appoggio  Segantini val D'Amola
Attrezzatura consigliata  Ramponi, (piccozza e 20mt di corda, rimasti nello zaino).
Itinerari collegati  nessuno
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Dopo tanto tempo, la sveglia suona ad un orario per le gite “speciali”, alle 2.30 siamo su strade deserte direzione val Nambrone (Pinzolo), sta albeggiando quando ci incamminiamo sul bel sentiero direzione rifugio Segantini val d’Amola, alle nostre spalle le Dolomiti di Brenta sono un vero spettacolo, davanti a noi il monte Nero illuminato e rosso dal primo sole, già varrebbe la sveglia notturna per tutto questo. Al rifugio ancora nessuno, seguiamo senza fretta i bolli bianco rossi che ci inoltrano in questo anfiteatro grandioso, a quota 2900 troviamo la neve, seguiamo tracce nella neve ancora dura, alla base del monte nero grazie alla ferrata superiamo agevolmente il passo (attenzione un paio di punti ghiacciati ed un traversino, soprattutto in discesa).
Sul lato opposto inizialmente la neve dura ci permette una salita agevole, da quota 3200 inizia il calvario, tre passi e affondi, tanto che essendo in due perdiamo un po di tempo, si fa per dire, le nuvole sono rimaste basse, siamo tra il bianco e l’azzurro ed anche se più faticoso siamo appagati d’essere soli in questo Paradiso. Quasi al bivacco, scendiamo e risaliamo veloci grazie alla ferratina che agevola il passaggio, sembra ormai fatta, ma la neve peggiora, buchi insidiosi, un traverso che in condizioni normali non esiste, mentre oggi è un passaggio delicato, finalmente siamo in vetta, è la terza volta per me, oggi sicuramente grazie ad Eve che ha tracciato quasi sempre. Tocchiamo la croce, il nostro pensiero quassù oggi è per Piccolo Gio, amico speciale che sarà sempre con noi.
La discesa con attenzione nel traverso, non desterà alcun problema negli altri punti, unico neo la neve talmente bagnata d’averci inzuppato completamente i piedi. Al passo del monte Nero, le nebbie ci avvolgono e ci accompagneranno per l’intero ritorno, ormai siamo fuori dalle difficoltà, la mia gamba non fa male e se continua così, chissà potremmo farci altre gite cosi belle, quella di oggi lo è stata sicuramente.
Foto 1 – Corni Neri
Foto 2 – Traverso dopo il bivacco
Foto 3 - Vetta
Report visto  549 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport