Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Vajo Intramosca, precisazioni sul tracciato/i, 22/01/2018
Inserisci report
Onicer  pelle2005   
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza   Rifugio la guardia   (1130 m)
Quota attacco  1600 m
Quota arrivo  2100 m
Dislivello della via  500 m
Difficoltà  D ( pendenza 65° / II in roccia )
Esposizione in salita Nord
Rifugio di appoggio  nessuno
Attrezzatura consigliata  nda, fittoni, corda da 55m, no ciaspole,
Itinerari collegati  nessuno
Rischio valanghe  1 - Debole
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento Dopo la stesura del post sul mio blog e del report su on-ice, ho cercato di fare chiarezza sull'itinerario, visto che se ne trovano relazioni discordanti, pareri discordanti, informazioni discordanti. Il tutto cercando di incrociare il materiale citato precedentemente, e le persone coinvolte.
Vista la "lunaticità" delle condizioni di questo tipo di percorsi invernali, questi sono sempre papabili di varianti, e quindi poi ognuno è libero di salire ciò che vuole.
La via "originale" in apertura invernale (relazione intraisass http://www.intraisass.it/scheda_intra4.htm) percorse le opzioni A e C, anche se nello schizzo della foto di via (e non nelle foto singole) è riportata l'uscita alta (opzione D), salita nelle successive ripetizioni dagli stessi apritori, opzione che ritennero tecnicamente più bella, se in condizioni, tanto da indicarla nel primo schizzo reso pubblico della via.

La relazione del Vajo Intramosca può quindi diventare la seguente:
Si imbocca il Vajo dei Colori.
Si imbocca la diramazione per Vajo Intramosca-Vajo Interrotto (leggermente a sinistra, mentre il Vajo dei Colori prosegue leggermente a destra).
Si imbocca la diramazione per Vajo Intramosca (si lascia leggermente a destra il Vajo Interrotto e si sale a sinistra su rampone di 50m).
Si giunge a una selletta dalla quale si vede bene la parte alta del Vajo Supermosca, e pure il tiro duro dello stesso Vajo più in basso.
Da qui sono possibili due opzioni a seconda delle condizioni:
A) se il canale di B è secco, è sconsigliabile imboccarlo: dalla selletta salire leggermente a dx e poi affrontare la parete rocciosa. Vi si trova un chiodo, dal quale noi ci siamo calati e quindi non sappiamo come prosegua dopo, ma ci dicono si ricongiunga con l'uscita del canale di B. Probabilmente il IV+ ci sta stretto come grado. (questa è la via presente nella relazione sul sito http://www.intraisass.it/scheda_intra4.htm )
B) in caso di buon innevamento/ghiaccio: si scende di poco verso sx, si traversa verso sx (in tutto circa 15m) e si imbocca il canale nascosto. Se scoperto, si trova uno spit (si narra ce ne sia un secondo): noi abbiamo trovato neve alla base, ghiaccio dopo (in tutto altri 20m). Si esce poi su canale nevoso più appoggiato fino a sostare. In caso di scarso innevamento, la qualità della roccia mi riferiscono sia poco amichevole. (Questa è la via presente sulla guida di Tarcisio Bellò, "PERCORSI INVERNALI ZEVOLA TRE CROCI PLISCHE – CAREGA" https://www.tarcisiobello.it/prodotto/percorsi-invernali-zevola-tre-croci-plische-carega/ )
Una volta nel canale nevoso si prosegue verso l'alto:
C) salire sempre dritto, e in 80-100m (a seconda di dove si è sostato) si giunge all'uscita (questa è la versione scritta sia sulla guida e che sulla relazione, e da noi percorsa)
D) circa 30m prima di uscire, si sale sulla parete di sinistra e si esce quindi più in alto: questa è la versione che sulla guida è consigliata in caso di grosse cornici all'uscita precedente, ed è quella evidenziata nell'immagine del tracciato della relazione (le foto dell itinerario sono quelle dell'uscita precedente, ma a una ripetizione successiva, chi ha scritto la relazione è uscito a sinistra e ha caricato come tracciato quello).

Nell'immagine il percorso: l'immagine è presa dal sito http://www.intraisass.it/scheda_intra4.htm e modificata come meglio ho potuto: ABCD sono in diversi colori, il nero è il percorso comune, il bianco sarebbe la cancellazione di un altro percorso. Inoltre, il tratto C) tratteggiato nella realtà ha la stessa pendenza del nero tratteggiato (ma il nero in foto è troppo ripido, e per rispettare l uscita del C) ho dovuto appianare parecchio).
Report visto  1982 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report