Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Via Bramani-Fasana - Zucco di Pesciola, 22/05/2022
Inserisci report
Onicer  merenderos   
Regione  Lombardia
Partenza  Valtorta o Barzio (1340m)
Quota attacco  1940 m
Quota arrivo  2092 m
Dislivello  150 m
Difficoltà  AD / IV+ ( IV obbl. )
Esposizione  Nord
Rifugio di appoggio  Rifugio Lecco
Attrezzatura consigliata  n.d.arrampicata. friend e dadi medio-piccoli utili ma non indispensabili
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Buono
Commento Classica della conca dei Campelli con difficoltà contenute e roccia solida. Usciti dalla via è possibile proseguire sull’ultima parte della cresta Ongania o scendere in doppia dalla via
La via è protetta a resinati distanziati. Utile ma non indispensabile qualche friend/dado medio piccolo. Soste su due resinati da collegare.
Salire al rifugio Lecco da Barzio (2h) o da Valtorta (1h) e da qui dirigersi verso la conca seguendo gli impianti. Ad un certo punto s’incontra un sentiero che scende nella conca e risale verso le pareti. La via attacca in prossimità di una placca appoggiata che sale verso destra (Resinato alla base con scritta nera ‘Fasana’), seguendo una lunga fessura obliqua ben visibile durante l’avvicinamento.
L1: Salire seguendo la bella placca lavorata. Superare una sosta e continuare fino alla successiva (40m, IV, 7 res)
L2: Salire in verticale fino ad un terrazzino. Andare verso sinistra e risalire il canalino successivo fino alla sosta (25m, IV-, 3 res)
L3: Salire il diedro a sinistra con passo deciso, e poi proseguire in verticale stando sulla destra dove la roccia è decisamente più solida fino alla sosta (30m, IV+, 4 res)
L4: Salire lungo il vago canale che esce su traccia di sentiero dove si trova la sosta (30m, IV, 3 res)
Proseguimento sulla cresta Ongania:
Seguire il sentierino che piega verso sinistra, e arriva ad un profondo intaglio con sosta. Scendere e risalire l’intaglio, e sostare sulla parete successiva (1 res).
Da qui seguire la traccia di sentiero verso destra per una sessantina di metri fino a reperire una sosta alla base di una fessura (poco distante sulla destra si vede la ferrata)
L5: Salire nella fessura con passo non semplice. Continuare ancora in verticale con passi delicati. Proseguire su roccia più semplice fino ad un terrazzino erboso (attenzione), e alla sosta sulla parete successiva (30m, IV+, 4 res)
L6: Salire il diedro-camino fino alla sommità da cui si esce verso sinistra. Si prosegue più facilmente fino alla sosta. Da qui camminando fino alla madonnina di vetta.
DISCESA:
Scendere seguendo il sentiero sul versante opposto a quello di salita. In breve, si arriva ad un intaglio. Scendere nel ripido canale ‘sfasciumoso’ del madonnino verso sinistra che riporta nella conca.

Foto1:L2
Foto2:L3
Report visto  3209 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport