Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Pizzo della Presolana Orientale, Via Cesareni-Berizzi-Pansera, 27/12/2018
Inserisci report
Onicer  Zeno   
Regione  Lombardia
Partenza  Passo della Presolana (1250m)
Quota attacco  2150 m
Quota arrivo  2490 m
Dislivello  300 m
Difficoltà  AD / IV+ ( IV obbl. )
Esposizione  Sud
Rifugio di appoggio  Malga Cassinelli e Biv.
Attrezzatura consigliata  Normale attrezzatura da arrampicata classica su roccia, nelle condizioni attuali anche piccozza e ramponi per la discesa.
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Eccellenti
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento Tale via aperta il 13 settembre 1931 da Giulio Cesareni, Amelia Pansera e Franco Berizzi sulla parete sud della Presolana Orientale corre a sinistra della successiva e più nota “Pelliccioli-Spiranelli”.

L’idea di ripeterla nasce dall'amato libro “Orobie: 88 immagini per arrampicare” di Nino Calegari, Santino Calegari e Franco Radici dove tale itinerario è recensito; le altre relazioni esistenti sono quelle degli apritori sul notiziario dell’ottobre 1931 del CAI di Bergamo (riportata anche nel volume CAI-TCI “Prealpi Comasche, Varesine e Bergamasche” di Silvio Saglio) e quella di Walter Tomasi nel suo libro “Il massiccio della Presolana”.

La scarsezza di neve che caratterizza questa stagione ci ha permesso di scalare tutta la via su roccia pulita e asciutta scaldati dal sole invernale; un po’ per pigrizia e un po’ per scelta non ci siamo messi le scarpette tenendoci gli scarponi ai piedi per tutta la giornata.
L’arrampicata, sebbene talvolta vi siano dei blocchi appoggiati a cui prestare attenzione, si svolge su roccia ottima: incredibilmente ruvida ed intatta che regala una sensazione impareggiabile sulla pelle delle mani; di tanto in tanto qualche chiodo notifica la correttezza dell’itinerario.
Dalla vetta siamo scesi per la via normale che si presenta in inverno come una sinuosa ed a tratti affilata cresta nevosa con un panorama d’eccezione sulle cime della Val di Scalve, Orobie orientali e tutte le altre vette ancora più lontane visibili verso est.
Dalla Bochetta del Visolo siamo saliti sull'omonima cima scendendo per il suo versante meridionale e godendo di un suggestivo tramonto che non poteva incorniciare meglio una giornata davvero completa sotto ogni punto di vista, in compagnia di mio papà.

Mòla mia, leù!
Report visto  832 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report