Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Ambiez+Tosa, 10/09/2018
Inserisci report
Onicer  funfunfunfzig   
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza  San Lorenzo in Banale - Rifugio Il Cacciatore (1800m)
Quota attacco  2650 m
Quota arrivo  3173 m
Dislivello  750 m
Difficoltà  PD+ / III ( III obbl. )
Esposizione  Sud-Est
Rifugio di appoggio  Rif. Il Cacciatore - Agostini
Attrezzatura consigliata  NdA, ramponi non necessari essendo attrezzata la vedretta d'Ambiez; mezza corda 60mt molto consigliata per saltare 3-4 calate
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Eccellenti
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Bellissima e solitaria traversata assieme a superFabio.
Questi i tempi più o meno per poterla fare in giornata: Taxi da San Lorenzo/Ristoro Dolomiti verso le 7 (magari si riesce a convincere il taxista a svegliarsi prima,,,), in marcia dalle 7,30 circa; dal Cacciatore all’attacco della via (cengione dell’Ambiez): tra 1 ora e mezza e 2 ore; salita della Sud: tra 2 ore e 2 ore e mezza (in ogni caso un po’ di tempo lo si spende per intuire i passaggi dopo la forcella dei Denti d’Ambiez); discesa per la Nord: non meno di 1 ora e mezzo, sono una decina di calate da 20 mt, perfettamente posizionate, dalla cima alla Bocca d’Ambiez, noi ne abbiamo saltata qualcuna grazie alla mezza da 60. Migotti alla Tosa, 1 ora e mezzo, godendosela; discesa per la normale, 1 ora. Con la corda da 60 si fa una calata sola anziché le tre predisposte (l’ultima è molto opzionale); rientro sulla vedretta di Ambiez per il Brentari e atterraggio all’Agostini: 1 ora e mezza circa; rientro al Cacciatore e quindi al Ristoro (nel caso - assai probabile - in cui il taxi a questo punto del giorno non sia più disponibile), tra 2 ore e 2 ore e mezza.

Questo per dire che un po’ di timing è necessario, ma ne vale davvero la pena, il tour è molto logico e le due linee di salita sono bellissime, direi ben sopra la media di questo tipo di itinerari. La roccia è sempre eccellente tranne che nella discesa dalla Nord dell’Ambiez, dove serve delicatezza, visto che gli unici massi che non franano sembrano incollati col Vinavil. Infine, tutte le protezioni che abbiamo trovato erano nuove di pacca e ben disposte.

Noi partiti da Milano alle 4 e riatterrati all’una perché in questi posti non eravamo mai stati e qualche svarione l’abbiam piazzato. Diciamo che arrivare alla macchina alla luce delle frontali è magico, e il momento in cui riesci a separare i piedi dalle suole dello scarpone dopo 2400mt di discesa ha una sua poesia. Ma quanto abbiamo invidiato gli ospiti (quasi tutti stranieri) che all’Agostini stavano per addentare la pasta e i canederli,,,

Foto 1: Denti d’Ambiez
Foto 2: In cima (Ambiez)
Foto 3: Migotti
Report visto  578 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport