Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Corno di Canzo Orientale - via Stella Alpina, 06/09/2018
Inserisci report
Onicer  garaca   
Regione  Lombardia
Partenza  valmadrera Lecco (300m)
Quota attacco  1100 m
Quota arrivo  1300 m
Dislivello  180 m
Difficoltà  TD / VII ( V+ obbl. )
Esposizione  Nord-Est
Rifugio di appoggio  rifugio SEV
Attrezzatura consigliata  NdA - 20 rinvii - serie completa di Friends - cordini vari.
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Buono
Commento Salita alpinistica storica di sicura soddisfazione, con un tiro completamente in artificiale. (A1)
La base del corno Orientale è fatto di roccia friabile e franosa, per questo la via attacca a metà della sua altezza.
Prima di iniziare la vera e propria arrampicata abbiamo già messo sotto i piedi oltre 80 metri di vuoto che precipitano verticali verso il ghiaione.
Via completamente a chiodi e chiodi a pressione con le soste a spit vecchi.
Portare almeno 19/20 rinvii ed una staffa a testa.
Quasi tutti i chiodi sono abbastanza buoni , gli altri trattenete un po' il respiro.
Primi 2 tiri " RUNFIDI" ....una via di mezzo tra il rustico e l'infido.
L1 Poca roccia e non solida, tanta erba e L2 un traverso ..............misto erba/roccia delicata da nervi saldi.
Da L3 parte la scalata e sono 3 tiri spettacolari: L3 tutto artificiale fessura e poi placca lisciaaaaa , L4 bellissima se in libera VII° ed L5 bella libera tutta da gustare di V+ e V .
Avvicinamento:
da Valmadrera fraz. Belvedere (San Tomaso) si percorre la strada cementata fino alla cappelletta VARS e seguire il sentiero dietro ad essa n. 6 e n. 7 indicazioni Sambrosera. Raggiunta la sorgente Sambrosera, continuare in salita sul sentiero ripido verso destra. Raggiungere una parete fortemente strapiombante sulla sinistra e continuare lungo il sentiero fino a raggiungere poco oltre un ghiaione che scende dal Corno di Canzo orientale. Proseguire sul sentiero e passare sotto il ghiaione fino al suo limite destro. Proseguire per un centinaio di metri sempre sul sentiero 7 nel bosco verso la bocchetta di Moregge , poi (ometto piccolo sulla dx) si gira a sx nel bosco puntando decisamente in salita verso il ghiaione alla base del Corno.
Si risale il ghiaione alla meglio fino all’evidente grosso pinnacolo appoggiato alla parete praticamente al suo limite destro. Aggirare il pinnacolo verso destra e raggiungere brevemente l’attacco posto tra il pinnacolo e la parete principale Targa di via.(1:40h circa).
Relazione:
L1 Salire diritti per placchetta facile. Traversare a sinistra sopra il masso appoggiato alla parete e raggiungere uno spigoletto (corda fissa). Risalire lo spigoletto (roccia rotta) e, al termine, proseguire in diagonale per prato verticale verso destra. Al termine delle roccette sulla sinistra, salire diritti per prato e poi spostarsi a sinistra ad alcuni alberi. Sostare su albero in corrispondenza di un piccolo ripiano (30/35m; III delicato).
L2 Salire brevemente in diagonale verso sinistra all’albero successivo. Traversare su prato verso sinistra fino ad una sosta a spit con catena. Scendere brevemente costeggiando la parete verso sinistra. Raggiungere una vaga cengia e seguirla verso sinistra fino alla sosta sotto una fessura verticale (35/40m; IV molto delicato).
L3 Salire lungo la fessura sopra la sosta in leggera diagonale verso sinistra. Seguire la fessura traversando poi verso destra. Al termine, salire diritti fin dove la parete diventa più appoggiata e compatta. Traversare in orizzontale verso sinistra fino al diedro (ignorare i chiodi a pressioni che, a metà traverso, salgono diritti). Salire brevemente diritti (numerosi chiodi; 30m; A1).
L4 Salire inizialmente sulla faccia sinistra del diedro per 6/7m. Traversare verso destra sotto una zona più aggettante e tornare nel diedro. Salire diritti lungo il diedro e superare un tratto strapiombante. Sostare poco oltre (30m; VII / A0).
L5 Seguire la grossa fessura-lama in diagonale verso sinistra traversando sotto la parete strapiombante. Raggiungere al termine una sosta per calata. Superare la sosta e continuare brevemente in diagonale verso sinistra fino a uscire dalla parete in corrispondenza del termine della ferrata (45m; V+).
Seguire una vaga traccia in salita fino alla vicina croce di vetta del Corno.
Discesa:
Prendere il sentiero che scende brevemente sul lato opposto e continuare diritti lungo il sentiero fino al colletto con palina.
Prendere il sentiero in discesa verso destra nel bosco fino a raggiungere la bocchetta di Moregge. (segni rossi)
Prendere il sentiero in discesa verso destra e tornare brevemente alla base del ghiaione e di li a Valmadrera.


Report visto  608 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport