Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Via pesce d'aprile-Valle dell'Orco, 02/09/2018
Inserisci report
Onicer  merenderos   
Regione  Valle d'Aosta
Partenza  Noasca (1060m)
Quota attacco  1250 m
Quota arrivo  1430 m
Dislivello  165 m
Difficoltà  D+ / VI ( VI obbl. )
Esposizione  Sud
Rifugio di appoggio  Nessuno
Attrezzatura consigliata  N.d.arrampicata, mezze da 60, casco, cordini, friends e dadi medio grandi indispensabili
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Splendida via su granito che si sviluppa tra fessure lame diedri e placche; insomma ce n’è per tutti i gusti. La roccia in via è davvero ottima. La via è praticamente quasi tutta da proteggere (anche se qualcosina si trova lungo i tiri), ma la roccia è ideale per accogliere fiends e nats medio grandi. Tutti i tiri sono ben proteggibili.
Soste su spit da collegare.
Si arriva al paese di Noasca e in prossimità della chiesa sulla sinistra c’è un ampio parcheggio ma con sosta di solo 1 ora. All’inizio del parcheggio c’è una strada che attraversa il ponte e subito dopo si trova un bel parcheggio libero.
Si riattraversa il ponte e la strada principale e si sale sul sentiero in salita che porta alla cascata. Al primo bivio andare a destra e poi proseguire su sentiero segnato fino ad un altro bivio con indicazione torre di Aimonin sempre verso destra. Da qui in breve si giunge alla base della parete (20 min).
Alla base si vedono alcuni spit e un cordino rosso sulla placca principale. Noi abbiamo attaccato li sfruttando lo spit più a sinistra in prossimità dello spigoolo. In realtà per l’attacco vero e proprio bisogna salire sul ripido sentiero a sinistra della base per una quindicina di metri e attaccare da li.
L1: Salendo dalla placca alla base si rinvia il primo spit a sinistra e poi si sale diritto fino ad un terrazzino dove si trova una vecchia sosta a golfari. Da li si traversa a destra fino alla base di un diedro che si risale sfruttando le belle lame. Subito diedro si trova la sosta a due spit (30 m, VI- (salendo dalla placca) o IV+ (partendo dall’attacco vero e proprio, 1 spit + 1 sosta int)
L2: traversare a destra abbassandosi leggermente per una quindicina di metri fino ad un blocco appoggiato, e risalirlo nella grossa fessura che crea con la parete. Usciti su una cengetta si sosta su 2 spit (25 m, IV, nessuna protezione)
L3: tiro della lastrina; traversare un paio di metri a destra e rinviare su spit. Salire in dulfer la bella fino al suo termine e poi spostarsi a destra dove con percorso non obbligato si punta alla base del diedro della successiva lunghezza. La sosta giusta è quella piu a destra verso il diedro l’inizio del diedro successivo (30 m, V+, IV, 2 spit)
L4: Salire il diedro sfruttando all’inizio la parete di destra. Da metà in poi si sale in dulfer. Poco prima del suo termine si traversa a sinistra e si arriva su comoda cengia dove si sosta (30 m, VI,V, 1 ch , 2 friends incastrati, )
L5: Salire sfruttando le fessurine che portano alla base di uno strapiombo. Lo si risale verso destra su buone prese e poi per terreno più semplice verso destra fino alla sosta (25 m, V, IV+, 1 ch)
L6: Seguire la fessura verticale che parte larga e poi si stringe solcando tutta la parete successiva. Continuare in verticale fino alla sosta (attenzione a terra ed erba) (35 m, V, 1 ch)
DISCESA: Dalla sosta salire verso sinistra su rocce ed erba fino ad arrivare ad una prima sosta con anello di calata in cima ad una grande placca appoggiata. Da qui ci sono diverse possibilità di calata. Noi abbiamo seguito la via a spit che segue lo spigolo a sinistra (faccia a monte) con 3 calate (soste su due spit collegati con cordone e maglia rapida) Oppure restando in centro parete c’ è una linea di calata su soste con anello.
Foto1: la placca iniziale con la variante da noi seguita e a sinistra il corretto attacco
Foto2: il diedro del 4° tiro con Simone (Orobicando) in azione
Foto3: il 5° tiro
Report visto  397 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport