Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Via Piccola Micheluzzi - Piz Ciavazes, 05/08/2018
Inserisci report
Onicer  merenderos   
Regione  Trentino Alto Adige
Partenza  Strada per il passo Sella (2115m)
Quota attacco  2170 m
Quota arrivo  2420 m
Dislivello  250 m
Difficoltà  AD+ / V- ( V- obbl. )
Esposizione  Sud
Rifugio di appoggio  Nessuno
Attrezzatura consigliata  N.d.arrampicata, mezze da 60, casco,cordini,dadi e friends utili
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Buono
Commento Una delle classiche sul piz Ciavazes. La via è un po discontinua nei primi tiri, ma nella seconda parte diventa molto bella. Le soste sono su anello cementato, e nei passaggi più delicati sono presenti i chiodi. Buona possibilità di proteggersi con friends, nuts e clessidre. La roccia molto buona soprattutto nei tiri finali più verticali
Salire in macchina seguendo le indicazioni per il passo Sella e arrivare dopo alcuni tornanti sotto la grande parete del Ciavazes. Parcheggiare a bordo strada e prendere uno dei sentieri che sale verso la parete. La via originale parte dove c è la grossa fessura che taglia in verticale tutta la parete, mentre la variante parte più a destra, scendendo lungo la base della parete in prossimità di una rampa che sale obliquando verso sinistra (15min)
L1: salire la ripida fessura fino al suo pulpito dove c e una sosta. Si puo evitare e proseguire obliquando verso sinistra fino ad un caminetto che si risale fino alla cengia, dove è posta la seconda sosta (50 m IV, IV+ 5ch).
L2: salire in verticale e poi obliquare verso sinistra. Riprendere a salire in verticale fino ad una zona erbosa con un grosso masso. Sul masso sono presenti due vecchie chiodi, ma è meglio superarlo o aggirarlo sulla destra dove è presente una sosta cementata sulla parete successiva. (35 m, IV, 4 ch)
L3: salire la facile spaccatura verso sinistra e poi continuare fino a girare uno spigolo su un terrazzino. Salire ancora obliquando a sinistra fino ad una cengia con sosta (55 m, IV-)
L4: salire il muretto verticale o aggirarlo verso sinistra fino ad una sosta. Rinviarla e salire il successivo muretto ben appigliato fino ad una nicchia gialla dove si sosta (25 m, IV+, 2ch)
L5: obliquare a destra seguendo delle belle lame; poi affrontare il muro verticale e infine traversino verso destra fino alla nicchia di sosta(30 m, IV+ 2/3ch)
L6: tiro chiave della via. Uscire a destra della nicchia e portarsi sulla parete verticale.Salirla e poi obliquare leggermente verso destra. Quando la parete ritorna verticale bisogna salire verso sinistra (ch) dove la parete è più verticale ma ben appigliata. Usciti da questa ci si porta a sinistra per sostare (35 m, V-, 3ch)
L7: dalla sosta spostarsi verso sinistra e poi salire in verticale per vago diedro/camino. Superare qualche passo in leggero strapiombo su buone prese e continuare in verticale fino alla sosta (30 m, IV+, 2ch)
L8: tiro di raccordo che porta fino alla cengia erbosa dei camosci dove si trova il sentiero di discesa (50 m, I)
DISCESA: si segue il sentiero verso sinistra (faccia a monte) che taglia praticamente tutta la parete. Si passa poi attraverso un buco scavato nella roccia e si prosegue ancora sempre a mezzacosta. Si arriva poi ad un salto di una ventina di metri (possibilita di doppia o II/III). Da qui in poi per sentiero sfaciumoso si arriva fino al bosco e alla strada asfaltata (1 h)
Foto 1: i primi metri della via (variante a destra)
Foto 2: in via
Report visto  287 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport