Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Antimedale, Via Sentieri selvaggi, 07/12/2017
Inserisci report
Onicer  sorega   
Regione  Lombardia
Partenza  Lecco. località Rancio (410m)
Quota attacco  640 m
Quota arrivo  840 m
Dislivello  200 m
Difficoltà  TD- / VI ( V+ obbl. )
Esposizione  Sud-Est
Rifugio di appoggio  nessuno
Attrezzatura consigliata  Da arrampicata, due mezze corde da 50 m, una serie di friends dal 0,4 al 2 BD e una scelta di nuts
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento Il forte alpinista Ivo Ferrari nel suo blog l'ha definita la "linea perfetta" e sicuramente è una bella arrampicata di soddisfazione su roccia quasi sempre buona e solida, con passaggi molto vari e divertenti senza mai essere estremamente difficile (max VI). La si scala seguendo i primi due tiri della Via degli Istruttori. Dalla S2 di questa via si segue a destra una cengia che porta a una recente catena. La si segue fin prima del suo ultimo traverso (alla fine del quale si trova l'attacco della Via Asen). Salendo invece per pochi metri si perviene alla S0 della Via Sentieri selvaggi. Le soste sono state da poco sostituite con catene e anelli di calata ancora luccicanti. L'ingaggio è assicurato dalla chiodatura quasi inesistente e da quei pochissimi spit presenti ormai arruginiti da spezzarsi solo a guardarli. Io li ho rinviati lo stesso, ma con timore sacrosanto e col dovere assoluto di non volarci sopra e addirritura manco di appendersi. Anche i chiodi a volte hanno visibili parti arruginite e chissà le parti che non si vedono in che stato saranno. Fortunatamente lungo la magggior parte dei tiri si può integrare con protezioni veloci, ma non ovunque (per esempio dove 36 anni fa sono stati piantati i pochi spit molto difficilmente si posssono trovare alternative). A questo punto, visto che sono state cambiate le soste troverei più che onesto rivisitare e sostituire almeno la spittatura originale lungo i tiri senza aggiungere nulla in più e senza stravolgere per questo il valore della via. D'altra parte quando è stata aperta spit e chiodi erano sani e luccicanti e non marci e inaffidabili come ora. In effetti la roccia sulla via è segnata da numerose ripetizioni, quindi un tempo era molto frequentata per la sua indiscutibile bellezza. Poi cadde un po' nell'oblio da quando non venne inserita nel famoso progetto di richiodatura del 2002. Ora con la sostituzione delle soste sta tornando abbastanza in auge, ma attenzione a non volare tra un ancoraggio e l'altro! Con la felicissima e contentissima Laura!
Report visto  841 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport