Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Lago del Truzzo - Rifugio Carlo Emilio, 21/06/2008
Inserisci report
Onicer  benedetto   
Gita  Lago del Truzzo - Rifugio Carlo Emilio
Regione  Lombardia
Partenza  San Bernardo (Olmo)  (1050 m)
Quota arrivo  2153 m
Dislivello  1103 m
Difficoltà  E
Rifugio di appoggio  Carlo Emilio
Attrezzatura consigliata  Da escursionismo
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Buono
Commento Da Chiavenna verso san Giacomo Filippo.
All’inizio del paese una stradina sulla sinistra, stretta ma ben asfaltata, porta con 18 tornanti numerati ad Olmo.
Ancora qualche centinaio di metri e si arriva alla centrale elettrica di San Bernardo dove c’è un bel parcheggio (m. 1050).
Seguendo le indicazioni si entra nella valle del Drogo che nel bosco, non ci porta nel deserto dei Tartari ma a Sant’Antonio (m. 1200), e ad un bivio, a sinistra per il colle di Lendine (confine svizzero) a destra per il Truzzo.
La mulattiera, ben lastricata supera ora con comodi tornanti un bosco pieno di ginestre, prosegue per un cengione comodo e largo che passa sotto una cascata dove alcune funi metalliche facilitano il transito in caso di ghiaccio, raggiunge la Curt de Lavazz dove “Lavazz” è il rabarbaro alpino.
In una delle baite che si incontrano nelle domeniche estive e in agosto fanno da mangiare e vendono prodotti locali.
Si riprende a salire con tornanti per giungere nei pressi delle case di servizio della diga, dove arriva anche un altro sentiero detto della “camoscera” che proviene dalla parte più alta di San Bernardo.
Alcuni gradini portano alla diga, m. 2090.
Per il rifugio ci vuole ancora più di mezzora.
La si percorre, si traversa un pendio che delimita una conca che da sul lago, si superano due mammelloni (bella veduta sui Caürgh e sulle due torri dell’Ometto e dell’Aquila Verde) e si arriva in vista del lago Nero, da dove si scorge il rifugio che si raggiunge seguendo le segnalazioni sulla sponda orientale del lago.
Prevedere ore 3,30.
Il rifugio, del CAI di Como, è sempre chiuso, per le chiavi bisogna chiedere da qualche parte.

Report visto  717 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report