Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Cima d'Agrella, 18/10/2020
Inserisci report
Onicer  Pierpaolo   
Gita  Cima d'Agrella
Regione  Lombardia
Partenza  Primaluna (LC)  (557 m)
Quota arrivo  1801 m
Dislivello  1440 m
Difficoltà  EE
Rifugio di appoggio  Nessuno
Attrezzatura consigliata  Normale da escursionismo
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Buone
Valutazione itinerario  Discreto
Commento Sempre alla ricerca di cime mai salite, oggi la nostra attenzione si sposta in Valsassina, più precisamente alla Cima d’Agrella.
Allo scopo di compiere un giro ad anello, decidiamo di partire da Primaluna, prendendo un sentiero (individuato con una certa fatica) che sale ripido in un bosco di castagni.
Guadagnata quota, arriviamo negli spazi più aperti dell’Alpe del Diavolo, proseguendo poi per un tratto semi pianeggiante fino al caratteristico spiazzo della Baita Falpiano.
Da qui, rientriamo temporaneamente nel bosco ed essendo il sentiero un po’ labile, finiamo per perderlo e trovarci così su ripidi pendii erbosi prossimi alla cresta della Cima d’Agrella.
Rimontati i pendii, ci troviamo su una sorta di anticima, per poi riprendere il sentiero perso in precedenza.
Lo seguiamo fin sotto la cima vera e propria, ed erroneamente continuiamo a seguirlo nel momento in cui prosegue sui fianchi orientali della montagna.
Resici conto che non porta in vetta, torniamo indietro e decidiamo così di continuare in cresta, sebbene non ci sia ombra di traccia.
Senza grandi difficoltà, a parte un brevissimo tratto appena sotto la cima, arriviamo in vetta, per poi proseguire scendendo dal versante opposto in direzione della Bocchetta di Agoredo. Nel primo tratto di discesa dalla cima bisogna prestare un po’ di attenzione perché è ripido ed erboso.
Anziché andare verso la Bocchetta, una volta aggirato il tratto più ostico della cresta andiamo a riprenderla dove diventa più dolce, proseguendo sempre in cresta e su traccia fin quasi alla Bocchetta d’Olino.
Da qui, prendiamo un sentiero (inizialmente un pochino esposto ma sempre abbastanza largo) che gradualmente si immette del bosco e in modo un po’ monotono riporta a Primaluna.
Bella e panoramica escussione di media quota, un po’ faticosa nella parte iniziale ma appagante nei tratti più elevati.

Foto 1: poco sotto la cima
Foto 2: le creste di discesa dalla vetta
Foto 3: la vetta dai versanti di discesa
Report visto  391 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport