Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Anello del Monte Pena, 02/01/2017
Inserisci report
Onicer  Pierpaolo   
Gita  Anello del Monte Pena
Regione  Veneto
Partenza  Zoppè di Cadore (BL)  (1570 m)
Quota arrivo  1950 m
Dislivello  600 m
Difficoltà  E
Rifugio di appoggio  Rifugio Venezia (chiuso ma con locale invernale)
Attrezzatura consigliata  Normale da escursionismo
Itinerari collegati  nessuno
Condizioni  Discrete
Valutazione itinerario  Discreto
Commento Dopo le fatiche del giorno precedente al Lastoi de Formin, oggi decidiamo di andarci un po’ più cauti optando per un percorso pur sempre ad anello ma con meno chilometri e dislivello. Scegliamo così di percorrere i sentieri che aggirano la modesta elevazione del Monte Pena, passando sotto le pareti del ben più imponente Monte Pelmo.
Partiti da Zoppé di Cadore, camminiamo per qualche centinaio di metri su strada asfaltata fino all’incrocio che prosegue verso il Rifugio Talamini. Lo ignoriamo, tenendo la sinistra camminando su strada sterrata in direzione del Rifugio Venezia.
La strada prosegue per diverso tempo nel bosco in modo quasi monotono, fino a quando piegando verso destra non ci si para davanti, vicinissima, la mole dello spettacolare Monte Pelmo, una vera opera d’arte della natura. Restiamo qualche minuto a contemplarne le fattezze prima di riprendere il cammino, ora in ambiente più aperto.
Raggiungiamo così il Rifugio Venezia, posto appena sotto le pareti della straordinaria montagna, dove scambiamo quattro chiacchiere con gli altri escursionisti presenti.
Dopo la sosta, riprendiamo il cammino portandoci vicini al Monte Pena. Vedendo persone sulla sua cima valutiamo l’idea di salirlo anche noi, ma non vedendo indicazioni manchiamo di fatto l’accesso al sentiero che conduce in vetta. Continuiamo così sul sentiero del periplo e notando che tende sempre più ad allontanarsi dalle pendici della montagna, tramonta definitivamente l’idea della cima.
Camminiamo così su tratti ora più in ombra e meno panoramici, seguendo i bolli bianco rossi e le indicazioni per fare ritorno a Zoppé di Cadore. I sentieri sono sempre comodi e agevoli, sebbene la presenza di qualche tratto ghiacciato da aggirare facilmente.
Torniamo così all’auto felici per avere percorso un itinerario facile ma bello, impressionati dalla mole e dalla bellezza del Monte Pelmo.

Foto 1: la mole del Monte Pelmo che ci si para davanti uscendo dal bosco
Foto 2: rifugio Venezia
Foto 3: sempre lui, il Monte Pelmo
Report visto  324 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport