Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Mont Blanc de Cheilon, Versante Ovest e discesa diretta, 22/05/2020
Inserisci report
Onicer  sorega      
Gita  Mont Blanc de Cheilon, Versante Ovest e discesa diretta
Regione  Svizzera
Partenza  Arolla  (2300 m)
Quota arrivo  3869 m
Dislivello  1700 m
Difficoltà  OSA
Esposizione in salita  Ovest
Esposizione in discesa  Ovest
Itinerari collegati  nessuno
Neve prevalente  Trasformata
Altra neve  Marcia
Rischio valanghe  2 - Moderato
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento Scheda tecnica
Diff. Scialp. AD, S4, 40° max.
Materiale oltre a quello scialpinistico: corda, ramponi, una picozza, attrezzatura da ghiacciaio.

Questa pur essendo una gita non molto frequentata è una bella classica che con buone condizioni viene percorsa da diversi gruppi. Il giro classico prevede la salita per il versante Ovest e la discesa per il magnifico scivolo che scende direttamente sul Col de Cheilon. La salita fino in vetta prevede una bella cresta di misto con difficoltà alpinistica PD+. La si può compiere in giornata oppure prevedendo una notte alla Cabane des Dix. Al momento si riesce a salire in auto da Arolla fin verso quota 2300 m percorrendo una stradina sterrata che porta all'arrivo dello skilift Fontanesse. Da qui si sale al Pas des Chévres, si scendono le scalette e con attenzione si perviene sul nevaio sottostante e sul ghiacciaio che con lunga traversata porta al rifugio. Abbiamo passato la notte alla Dix, al momento chiusa, ma con un ottimo locale invernale dotato di stufa, luce elettrica e stoviglie varie. Al mattino con un ottimo rigelo ed un'ottima temperatura siamo partiti verso il Col de Cheilon e poi con un largo arco a sinistra su per il versante Ovest. Il ghiacciaio è ben chiuso ed ottimamente percorribile fino alla sella sommitale. Qui si può iniziare la discesa oppure, come da noi fatto, proseguire verso l'attacco della cresta con una leggera discesa che porta ad un secondo colle all'attacco della cresta. Meglio legarsi in cordata e con ramponi e picozza in mezz'ora si raggiunge la vetta con qualche passaggio aereo, ma mai troppo difficile. Ritorno al colle, leggera risalita per andare a prendere il punto in cui inizia la discesa. Tenere la destra per prendere il grande scivolo di neve e ghiaccio che deve essere logicamente in condizioni ideali per essere sciato. Al nostro passaggio era ancora piuttosto duro, ma abbastanza ben sciabile. La pendenza massima è sui 40°. Volata magistrale fino al Col de Cheilon e poi giù su fantastica neve trasformata. Al posto di rientrare per il Pas des Chévres abbiamo puntato al Col de Tsena Réfien per scendere il pendio opposto piuttosto ripido e con un primo tratto con neve già marcia. Poi ci si ricongiunge ai pendii che portano verso la fine della discesa. Inutile dire che è stata un'altra gran bella avventura con Aurélie e Sébastien!

Fotoreport a questo link:
https://www.facebook.com/112639340284902/posts/170232794525556/
Report visto  600 volte
Immagini             

[ Nessuna immagine disponibile ]
Fotoreport  Clicca qui per andare al foto-report