Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Pila Chamolè, 01/04/2018
Inserisci report
Onicer  Pierpaolo      
Gita  Pila Chamolè
Regione  Valle d'Aosta
Partenza  Gressan loc. Les Fleurs (AO)  (1410 m)
Quota arrivo  2315 m
Dislivello  930 m
Difficoltà  MS
Esposizione in salita  Nord-Ovest
Esposizione in discesa  Nord-Ovest
Itinerari collegati  nessuno
Neve prevalente  Trasformata
Altra neve  Farinosa
Rischio valanghe  2 - Moderato
Condizioni  Pessime
Valutazione itinerario  Discreto
Commento Anche oggi uscita scialpinistica in versione “lite”, causa poco tempo a disposizione. Considerato il pericolo valanghe marcato su buona parte della Valle d’Aosta, siamo a maggior ragione propensi per un itinerario tranquillo. La zona che scegliamo è sempre quella di Pila, ma stavolta l’intento è quello di non mettere “piede” sulle piste in salita.
Per fare ciò, lasciamo la macchina in località Les Fleurs, posta poco sotto il comprensorio sciistico.
Alla partenza la neve che ricoprire i prati è appena sufficiente per partire sci ai piedi.
Saliamo sui ripidi prati iniziali fino ad arrivare nei pressi della partenza della seggiovia Chamolé.
Qui ci teniamo a sinistra, allo scopo di andare a prendere un sentiero che si inoltra nel bosco. Nel primo tratto, all’interno della fitta vegetazione, il problema è una certa discontinuità del manto nevoso. Salendo di quota le cose si sistemano, ma subentra un’altra questione un po’ più seria: un’intensa giornata di vento occorsa tempo addietro ha lasciato in eredità diversi alberi abbattuti, alcuni dei quali invadono il percorso di salita. Questo ci costringe a ripetuti “togli e metti” degli sci, e a tratti il percorso si trasforma in una sorta di parco avventura per superare gli ostacoli disseminati lungo esso.
Giunti al caratteristico eremo di San Grato, le cose migliorano sensibilmente e finalmente possiamo proseguire più spediti.
Da qui in su si alternano tratti nel bosco ad altri in spazi più aperti e complici le condizioni climatiche fresche, secche e soleggiate che favoriscono neve umida al sole primaverile e fredda all’ombra, il tutto ci lascia in eredità un fastidioso zoccolo sotto le pelli.
Un po’ a fatica guadagniamo quota e giunti sotto al pendio che scende dal lago Chamolé, sterziamo decisamente a destra per portarci, tramite traccia sempre ben battuta, all’arrivo della seggiovia Chamolé.
Dopo una soleggiata sosta scendiamo comodamente tramite le piste e infine con maggiore attenzione sui prati dove c’è neve residua ben cotta.

Foto 1: nei pressi della partenza della seggiovia Chamolè
Foto 2: appena sopra l'eremo di San Grato
Foto 3: tanta neve all'alpeggio Chamolè
Report visto  615 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport