Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Mont Blanc de Cheilon, dal Pas de Chèvre e il Glacier de Cheilon, 24/04/2017
Inserisci report
Onicer  Fedora      
Gita  Mont Blanc de Cheilon, dal Pas de Chèvre e il Glacier de Cheilon
Regione  Svizzera
Partenza  Arolla (Val d'Herens)  (1970 m)
Quota arrivo  3870 m
Dislivello  2030 m
Difficoltà  BSA
Esposizione in salita  Varia
Esposizione in discesa  Varia
Itinerari collegati  Mont Blanc de Cheilon (3870m), dal Pas de Chèvre e il Glacier de Cheilon
Neve prevalente  Trasformata
Altra neve  Farinosa
Rischio valanghe  2 - Moderato
Condizioni  Ottime
Valutazione itinerario  Eccezionale
Commento Gita grandiosa sotto tutti gli aspetti. Ne è assolutamente valsa la pena il viaggio da BG, con pernottamento in tenda ad Arolla. In giornata è veramente un itinerario fisicamente impegnativo per la lunghezza del percorso e anche il ritorno non presenta una discesa continua e veloce, ma i tratti pianeggianti richiedono un po’ di racchettage... compresa la faticosa risalita finale al Pas de Chèvre. Partenza quindi da Arolla alle 6,30, sci ai piedi grazie alla presenza di neve sulle piste chiuse. In circa 1h e 30 siamo al Pas de Chèvre. Sci nello zaino, scendiamo dalle scale metalliche e poi lungo un ripido pendio su neve molto dura, ma senza usare ramponi. Dal ghiacciaio lungo avvicinamento su terreno quasi pianeggiante verso il Col de Cheilon e poi per i pendii più sostenuti fino al colle. Da qui si apre un panorama strepitoso. Altro tratto semipianeggiante e poi finalmente si sale decisamente, attorniando le scenografiche seraccate e passando sotto i pendii N de La Ruinette. Dopo 5h e 15’ di fatiche siamo finalmente al colle e in breve sulla cima invernale. Da qui è tutto uno spettacolo di cime... e di fronte la splendida cresta che porta sulla cima alpinistica. Il nostro programma terminava comunque su quella invernale e ne siamo ancor più convinti quando due skialp prima, e 4 poi, tornano indietro dopo aver tentato di percorrerla. E’ davvero lunga e non banale per via dell’esposizione, e farla in giornata da Arolla è quasi impensabile. Pernottando al rifugio, invece, è tutta un’altra storia. Siamo già felicissimi di aver raggiunto la nostra cima in giornata, con una giornata di sole spaziale e soprattutto senza vento! Poi la discesa... 2000m di sciata stupenda, se si escludono 150m nella zona della seraccata dove la neve è variabile tra ventata e un po’ crostosa. Neve invernale pressata dal vento in alto, farinosa sotto la seraccata, farinosa sotto il Col de Cheilon fino al pianoro che con qualche tratto a spinta ci porta alla risalita al Pas de Chèvre, un calvario col caldo che faceva... Dal Passo discesa fantastica su neve primaverile smollata il giusto fino all’inizio delle piste e così pure fino ad Arolla... sciata a dir poco superba. Innevamento buono ancora per un po’, sempre continuo anche se ovviamente inferiore alla media stagionale. Il lungo ritorno a Bergamo è solo un piccolo dettaglio, dopo una giornata così. Partecipanti: Fedora, Ivan, Lidia, Zamma e Leo.
FOTO 1: Ivan al colletto, con alle spalle la cima invernale che saliremo
FOTO 2: Neve farinosa sotto la seraccata
FOTO 3: La discesa dal Col de Cheilon. In rosso la risalita al Pas de Chèvre
Report visto  1709 volte
Immagini             

[ Clicca sulla foto per ingrandire ]
Fotoreport