Home Gallery
Reports
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Mountain Bike
Archivio
Itinerari
Scialpinismo
Escursionismo
Roccia
Ghiaccio e Misto
Fenio...menali
Forum
Ricerca
   Spiz de Tariciogn, Alta via "Bruno Federspiel”
Zona  Veneto - Marmolada
Partenza  Passo S. Pellegrino
Quota partenza  1920 m
Quota arrivo  2647 m
Dislivello  900 m
Difficoltà  F
Rifugio di appoggio  Rif. Passo Selle
Attrezzatura consigliata  Set da ferrata
Orario indicativo 2h e 30' - 3h
Periodo consigliato Maggio-Ottobre
Descrizione Dal Passo S. Pellegrino, prendere a sx la strada sterrata (indicazioni per rif. Passo Selle) che in circa 1h e 15’ porta al Passo Selle dove sorge il rifugio (m. 2530). Da qui verso sx (sud) parte l’Alta Via dei Monzoni "Bruno Federspiel” (n. 616). In breve si sale alla Punta Selle, incontrando già resti di trincee, postazioni e caverne militari. Scendere dal lato opposto fino ad una piccola selletta, mantenendosi più o meno lungo la cresta e da qui un’altra salita leggermente più lunga porta alla croce di vetta della Punta Allochet (m. 2582). Proseguendo lungo il sentiero ben segnalato, si giunge ad un'altura secondaria (Palon Bianch), dove al lato estremo di una grotta c'è una feritoia. Qui (Forcella dei Rizzoni) comincia la cresta vera e propria dei Monzoni (caratterizzato da rocce più scure e da appariscenti gendarmi) . Risalire un ripido pendio erboso e aggirare un canalone detritico che scende verso la Val dei Monzoni; il percorso ora prosegue mantenendosi sul versante dei Monzoni, traversando più o meno in quota le scure pareti delle varie elevazioni dei Rizzoni. Superato un breve caminetto (corde fisse e pioli, il tratto forse più impegnativo dell’itinerario), si arriva ad una sella erbosa alla base della punta più elevata dei Rizzoni (Spiz de Tariciogn, m. 2647).
DISCESA: per il medesimo itinerario. E’ anche possibile proseguire lungo la cresta dei Rizzoni fino alla forcella Ricoletta e da qui scendere a Fango, in Val S. Pellegrino.
Valutazione itinerario  Ottimo
Commento  Itinerario spettacolare soprattutto per l’interesse storico che riveste, con numerose postazioni di guerra, trincee e caverne lungo la cresta dei Monzoni, oltre che per il panorama che, svolgendosi sempre in cresta, offre sui gruppi dolomitici. Non presenta particolari difficoltà, salvo alcuni tratti un po’ esposti; numerosi, invece, sono i saliscendi lungo la cresta.
FOTO 1: La 2° cima che si tocca dal passo Selle: la Punta Allochet.
FOTO 2: Una delle numerose caverne di guerra.
FOTO 3: Le scure rocce dei Monzoni.
Itinerario visto  2693 volte
Immagini             

[ Clicca per ingrandire ]
Report collegati
01/11/2009  -  Spiz de Tariciogn, Alta via "Bruno Federspiel”, di Fedora